Questo sito contribuisce alla audience di

La Colite

Le letture di Cayce affrontano la terapia in modo diverso a seconda se si tratta di colite acuta o cronica. Per la colite acuta raccomandavano clisteri, Glicotimolina internamente come antisettico di tipo alcalino nella sua reazione, nonché ipoalimentazione (con succhi vegetali e di agrumi, e latte di capra), riposo, e succo di carne di bue [ricetta speciale di Cayce] in aggiunta. Inoltre prevedevano manipolazioni osteopatiche, massaggi giornalieri lungo la spina dorsale con una miscela di parti uguali di olio di oliva, mirra e olio di sassafrasso; e un dolce massaggio su tutto il corpo con frumento in soluzione acquosa quando vi era bisogno di controllare la febbre.

Per la colite cronica e per quella spastica, le letture a volte enfatizzavano le verdure tuberose, altre volte una dieta regolare e altre ancora un suggerimento come questo:
“Nelle diete, sta alla larga dalle carni. Possono essere consumati solo il pesce e il pollame, e questi mai fritti. Niente cibi fritti di alcun genere. Piuttosto consuma i cibi che costruiscono il corpo e che danno forza - specialmente moltissima frutta, succhi di frutta - compresi i succhi di agrumi, naturalmente. Aggiungete un po’ di limone al succo di arancio. Molte prugne, molta ananas e cose simili, Tutte queste cose costituirebbero la parte principale della dieta, anche se non tutta. Non mangiare tanti pasticcini. Latte con malto e cose del genere possono far parte della dieta. Non troppe caramelle o dolci, anche se occasionalmente latte con cioccolato o cacao o simili vanno bene”. (2085-1)

In molte letture si raccomandava un impiastro di uva dello spessore di circa 2cm - fatto di uva schiacciata e messa sull’addome per un’ora e mezza a quattro ore fino ad asciugarsi - probabilmente per il suo effetto di pulizia sui centri linfatici e sul fluido linfatico. Con altrettanto frequenza veniva suggerito una fusione di ginseng selvatico, e inoltre riposo, leggeri esercizi fisico all’aria aperta, fusione di allume, massaggio con olio canforato sull’addome e sulla spina dorsale. Spesso raccomandavano irrigazioni del colon per ripulire il colon e rimuovere i prodotti tossici, e trattamenti osteopatici per equilibrare le forze e gli impulsi nervose e per eliminare le lesioni formatesi durante lo sviluppo del processo patologico.
Come riferimento segue una lista di varie combinazioni di sostanze suggerite per l’uso in caso di colite:

1. “Per prima cosa fate una buona fusione forte di ginseng selvatico; non tanto forte come una tintura, s’intende, ma: quando il ginseng selvatico si è disfatto bene mettete un’oncia di questo in acqua distillata e fate bollire per almeno 20 minuti finché non ha prodotto una buona fusione; non usate il ginseng in polvere, bensì quello a pezzi, usando acqua a sufficienza per ottenere una fusione di 2 ½ once. Scolate. Quindi aggiungete in questo ordine:
tintura di ginseng selvatico, ¼ oncia
tintura di valeriana, ½ oncia
alcol di grano (90 gradi), 1 oncia.” (2846-1)

2. Dopo la colite - per ricostruire il sistema:
“gomma di canfora, 20 grani,
ferro clorurato, 20 grani,
solfato di morfina, 1 grano. Mischiate bene. Cominciate con un grano di questo, come stimolante - chiaro? Poi aggiungeteli ai valori nei cibi. Questi resteranno, e quelle altre
[le sostanze elencate] inoltre costruiranno il corpo. Fate questo.” (3886-2)

3. Impiastri di uva per i disturbi linfatici:
Gli impiastri di uva venivano usati per ristabilire un funzionamento più normale dei
centri linfatici e degli emuntori in tutto il tratto intestinale.
“Applica su tutto l’addome, almeno una volta alla settimana, dell’uva schiacciata. Questa dovrebbe essere usata con la buccia e con i vinaccioli. L’impacco dovrebbe
avere lo spessore di almeno 2,5 cm e dovrebbe essere tenuto sull’addome fino ad essere stato quasi asciugato dal calore corporeo, cosa che richiederà da quattro a quattro ore e mezza. Fate questo impacco sufficientemente grande da coprire tutto l’addome. Mettete l’uva sulla garza.” (5057-1)

4. Fusione di allume
“Prepara anche questo come fusione: metti 1 oncia di radice di allume in 4 once di acqua distillata, porta questo ad ebollizione e poi filtralo. Assicurati che la radice di allume si sia disfatta. A questo aggiungi 1 oncia di sciroppo semplice e prendi 1 oncia di alcol di grano o whisky di segale e aggiungilo. Di questo si deve prendere solo un cucchiaino quando ci sono crampi nel canale alimentare o colon.” (5057-1)

5. Prescrizione di ginseng selvatico
“ A due once di acqua distillata aggiungi un cucchiaio di miele puro, porta questo ad ebollizione, eliminando il sedimento venuto in superficie. Quindi aggiungi 1 oncia di alcol di grano. Poi aggiungi, in questo ordine:
elisir (o fusione) di ginseng selvatico, 1 oncia
zenzero selvatico (essenza o fusione), 1 oncia
tintura di stillingia, 1 oncia
elisir di pepsina lattata, 1 oncia
La dose sarebbe mezzo cucchiaino in mezzo bicchiere di acqua due volte al giorno - mattina e sera. Questo composto preso internamente come stimolante delle attività nel canale alimentare, insieme alle correzioni osteopatiche date, non solo correggerà la condizione gradualmente, ma ne eliminerà le cause, e così produrrà un equilibrio più normale nel funzionamento degli organi, nonché nelle funzioni ghiandolari, e ripulirà gradualmente il disturbo, e così le attività [di disturbo] in tutto il canale alimentare possono essere eliminate e sradicate interamente dal sistema.” (2085-1)

6. Fusione di ginseng selvatico:
“Preparazione: mettete 5 dramme di ginseng selvatico in mezzo litro d’acqua distillata. Portate ad ebollizione e fatelo bollire fino a quando, dopo averlo filtrato, rimane solo 0,25 l. Questo sarà piuttosto forte, ma è necessario in questo caso particolare.
Poi fate una fusione di questo: usate 2 dramme di ginseng selvatico in 4 once di acqua distillata. Portate ad ebollizione e fatelo bollire finché ne rimangono sole 2 once dopo essere stato filtrato.
Mettete insieme queste cose e quindi aggiungete 4 once di essenza di pepsina lattata e 1 oncia di alcol di grano.
Questo dovrebbe essere preso all’inizio, un cucchiaino ogni quattro ore per due giorni. Naturalmente non dovete alzarvi di notte per prendere questo, ma se siete sveglio durante la notte prendetene una dose, ma non più spesso di quattro ore una dall’altra.” (5057-1)

7. Prescrizione di ginseng selvatico dalla lettura 5280-1:
“Fusione o essenza di ginseng selvatico, 1 oncia
essenza di ginseng selvatico, 1 oncia
Poi aggiungete abbastanza elisir di pepsina lattata da fare 6 once. Agitate e prendetene un cuchiaino due volte al giorno o circa verso le ore 9 e le 15.”

8. Puro succo di carne di bue [speciale ricetta di Cayce]:
“Prendine almeno un cucchiaino durante il giorno, o anche due. Ma non tutto insieme, bensì sorseggialo. Questo, sorseggiato in questo modo, produrrà il flusso gastrico in tutto il sistema intestinale … “ (1100-10)

Da: Physician’s Reference Notebook, William A.McGarey, A.R.E. Press

Disclaimer: Il contenuto di questa sezione è soltanto informazione e non dovrebbe essere considerato come guida all’auto-diagnosi o all’auto-trattamento. Per ogni problema medico consultate un medico.

Ultimi interventi

Vedi tutti