Questo sito contribuisce alla audience di

Ritenzione di liquidi? linfodrenaggio.

Il problema della ritenzione dei liquidi assilla ormai la maggior parte delle donne, causata da vita sedentaria, inquinamento, alimentazione troppo ricca di zuccheri,eccessivo uso di farmaci. Ma la si può combattere.

Trattamenti efficaci sono due: massaggio e linfodrenaggio, meglio se abbinati insieme nel trattamento.

IL MASSAGGIO

Il massaggio agisce sulle masse muscolari permettendo, con il loro miglioramento una più fluida circolazione dei liquidi. La mancanza di movimento fisico limita i movimenti delle articolazioni, i lavori svolti in certe posizioni troppo specifiche, l’obesità finiscono per produrre uno sviluppo poco armonico della muscolatura.

L’analisi posturale permette di valutare visivamente la persona al fine di stabilire la posizione delle parti del corpo in rapporto ad una posizione ideale, il massaggio si dimostra valido per il suo effetto di stimolazione sulla circolazione sanguigna distrettuale, per il miglioramento del trofismo cutaneo e dell’ossigenazione cellulare.

Deve essere eseguito da un esperto, perché altrimenti si possono causare danni, specialmente se il massaggio è troppo energico e viene praticato su persone che presentano segni di fragilità capillare.

LINFODRENAGGIO

Il drenaggio linfatico manuale (o linfodrenaggio) consiste in una serie di manipolazioni che intervengono sulla circolazione della linfa, riducendo il ristagno di liquidi responsabili dei gonfiori.

La linfa si compone di una serie di elementi tra cui: sali minerali, proteine, acqua.

Il linfodrenaggio non solo asseconda questo viaggio, smuovendo i liquidi presenti nel corpo, ma svolge anche un intervento di “idraulica”, cioè di sblocco dei canali intasati.

Si basa su alcuni movimenti leggeri, lenti e ripetuti, alternati a pressioni delicate.

Può essere eseguito in qualsiasi zona del corpo: gambe, glutei, braccia, piedi, sul viso e sulla schiena.

E’ consigliato nei seguenti casi:

pre e post intervento chirurgico

insufficienza venosa, varici

cellulite

linfedema

Il drenaggio linfatico è collegato alle mani, nessuno strumento può sostituire mani allenate. Quando questi movimenti raffinati sono eseguiti con sensibilità dei polpastrelli (leggeri come zampe di gatto), si può raggiungere un rilassamento tranquillizzante, cosicché la linfa fluisce oltre. Nuovo ossigeno e materiali utili penetrano nel tessuto interstiziale per il nutrimento e la rigenerazione delle cellule. I movimenti circolari e a spirale drenanti sono movimenti rivitalizzanti, come tutte le vibrazioni a spirale della natura. Il movimento cerchiante delle mani con rotazione interna e rotazione esterna, con, inoltre, effetto di pressione in aumento od in diminuzione nel tessuto (crescendo - decrescendo) è simile a quello del cuore con sistole e diastole.

Questo trattamento viene eseguito a Roma presso lo studio di Naturopatia e Fisioterapia Shiatsu

tel 0688327012

Per appuntamento.

Trattamento anche a domicilio.

Ultimi interventi

Vedi tutti