Questo sito contribuisce alla audience di

La guida risponde

0 Vota

Innanzitutto... piacere di conoscerla

Domanda

In due parole: sono del 1960; 4/5 anni fa ho (di necessità virtù) cominciato un nuovo percorso sulla salute e sul mio essre fisico. Diagnosi: distonie neurovegetative (ero e sono in psicoanalisi). Fitoterapia, aromoterapia, omeopatia, tutte provate e valide, ma al top metterei shiatsu e, da qualche mese, tai chi quan. "Ambirei", da paziente, divenire praticante e, magari, terapeuta...? Ho già un lavoro che mi assorbe e (haimé) con risorse esigue, da sopravvivenza. Che mi consiglia? RAFFAELE

Risposta

Caro Raffaele, ti ringrazio per avermi consultato e per aver apprezzato lo shiatsu e le altre terapie alternative che vengono sempre più scoperte e considerate.
Tipiacerebbe fare il terapeuta? perchè no?
Hai già sperimentato la tecnica, quindi non c'è nessuno meglio di tè ad affrontare un'esperienza così importante e ti posso assicurare non facile, perchè lo shiatsù non è solo digipressione, ma un qualcosa che ci mette in contatto con una dimenzione ed un mondo ancora sconosciuto, il corpo umano.
Fammi sapere e in bocca al lupo.
Ciao Piero

cer*** - 19 anni e 11 mesi fa
Registrati per commentare