Questo sito contribuisce alla audience di

Sicurezza e salute dei lavoratori

Le norme sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori sul luogo di lavoro (decreti legislativi n. 626 del 1994 e n. 242 del 1996) si applicano a tutte le aziende comprese quelle agrituristiche a meno che non siano condotte dal solo coltivatore diretto e dai suoi familiari.

Sicurezza e salute dei lavoratori

Le norme sulla sicurezza e sulla salute dei lavoratori sul luogo di lavoro (decreti legislativi n. 626 del 1994 e n. 242 del 1996) si applicano a tutte le aziende comprese quelle agrituristiche a meno che non siano condotte dal solo coltivatore diretto e dai suoi familiari.

L’imprenditore ha i seguenti obblighi:

individuare e valutare i rischi presenti in azienda. I risultati della valutazione dei rischi e le eventuali misure di prevenzione e di protezione da adottare, devono essere riportati in un documento specifico da presentare alla ASL e all’Ispettorato del lavoro competenti per territorio. Per le aziende a conduzione familiare e per quelle che hanno fino a 10 lavoratori è sufficiente produrre un’autocertificazione
nominare un responsabile del servizio di prevenzione. Responsabile può essere lo stesso imprenditore qualora abbia seguito un corso in materia di sicurezza e la sua azienda abbia meno di 10 lavoratori a tempo determinato
nominare un medico addetto alla sorveglianza sanitaria dei lavoratori qualora questi siano sottoposti a rischi da piombo, amianto, rumore, carichi dorsolombari, agenti biologici, cancerogeni ecc.
adeguare i luoghi di lavoro alle norme di sicurezza con particolare riguardo alle uscite di emergenza, al sistema di areazione e d’illuminazione dei luoghi di lavoro ecc.
garantire la sicurezza di macchine, di apparecchi e di quant’altro è usato nel luogo di lavoro
informare i lavoratori sui rischi presenti in azienda e sulle misure di prevenzione adottate o da adottare
assicurarsi che la formazione dei lavoratori sia adeguata all’attività svolta.
I lavoratori esterni all’azienda ai quali si ricorra per servizi di carattere agricolo o meccanico, devono essere in possesso dei requisiti tecnico-professionali necessari. In caso contrario, qualora si verifichi un infortunio, l’imprenditore incorre in pesanti sanzioni anche di carattere penale.