Questo sito contribuisce alla audience di

Ritalin libertà negata.

Il Ritalin un altro ritrovato per il controllo.

Quando siamo venuti al mondo, abbiamo deciso di evolverci nella nostra libertà totale, con la continuità della nostra connessione cosmica, unico mezzo della personale manifestazione. Il nostro Sé Divino è qui in attesa e ci guarda vivere, agire, qualche volta ci manda dei piccoli richiami e ci dice: « Io esisto, prendi coscienza della Mia Presenza in te ed anche dell’aiuto che ti posso dare ». Tuttavia, nella sua immensa Saggezza, la Presenza Divina in ognuno di noi non si manifesta come vorremmo, perché ci lascia liberi. La Sua sola preoccupazione è di lavorare su un altro piano, un piano vibratorio generale. Il suo lavoro è anche quello di innalzarci ogni giorno di più verso le parti più alte della nostra stessa coscienza.

I nemici di questo risveglio non siamo solo noi, è anche il monopolio matrix del sistema “consumismo di massa”, il sistema usa vari mezzi coercitivi dell’ Io spirituale per imporci l’io materiale: lavora, consuma.

In questi giorni ho appreso con orrore la notizia che questo paradosso sta raggiungendo i bambini anche a livello chimico, infatti, quando sono troppo vivaci ora sono malati ed hanno ADHD (sindrome da iperattività).

E vanno “curati” con il ritalin che è una vera e propria droga; sono anfetamine.

Questo paradosso si deve lottare con ogni mezzo, sono felice che a livello politico le donne si stanno muovendo, l’Onorevole Tiziana Biolghini ci dice:

Una volta si chiamava “argento vivo”, “vivacità”, irrequietezza. Oggi grazie alla medicalizzazione scellerata di molti comportamenti, ha un nome sinistro: “sindrome ADHD” o sindrome da iperattività. Se un bambino è irrequieto, passa da un gioco all’altro, non riesce a star fermo , insomma, se il bambino si ostina a fare il bambino è segno che ha qualcosa che non va.

Anche il nostro Grillo nazionale si è fatto sentire, tra i link qui sotto c’è il suo video sul ritalin prescritto ai bambini nelle scuole.

Cinzia Degli Angeli.

Argomenti