Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Ciao segretario(Ode a Giorgio Almirante)

    Ho ricevuto questa poesia da un giovane navigatore, mi piace, voglio proporvela Testo: Salve Io sono uno studente liceale ex iscritto ad A.N e siccome,fin dall'inizio ho avuto una folgorazione ideologica per Giorgio Almirante. Essendo nato l'anno dopo la sua morte,non lo ho mai conosciuto. Ma posso dire di conoscerlo attraverso i racconti di cho lo ha incontrato... Recentemento ho scritto una poesia dedicata ad Almirante che so che non vi piacera' pero'... : CIAO SEGRETARIO:................

  • Il sospetto di Donna Assunta Almirante

    dalla Gazzetta del Sud La moglie rivela un dubbio inquietante: l'ex leader del Msi potrebbe essere stato ucciso - Il sospetto di donna Assunta Almirante - Il racconto degli ultimi giorni nel libro-intervista di Domenico Calabrò Paolo Berardengo G iorgio Almirante potrebbe essere stato ucciso. Questo l'atroce sospetto di sua moglie, donna Assunta (calabrese di Catanzaro). Un sospetto che ha covato nel cuore per anni, dopo l'intervento chirurgico subito dal marito a Parigi il 19 aprile 1988 e due successivi ricoveri a villa del Rosario a Roma, il 7 e il 16 maggio. Proprio in questa clinica egli morì il 22 maggio 1988. Essendo deceduto a Roma, il 21 maggio, anche Pino Romualdi, che fin dalla fondazione del Msi aveva condiviso con lui la lotta politica, Almirante e Romualdi ricevettero in morte comuni onori nella sede centrale del partito. In questi anni donna Assunta (oggi 79enne) non aveva mai fatto trapelare niente. Al punto che le sue parole hanno colto di sorpresa i leaders di An. Parole, comunque, pesanti. «Un'esperienza allucinante... di quindici giorni infernali, che si sono conclusi con la morte di Giorgio che secondo me è stata provocata»,

  • Ancora un ricordo per Giorgio Almirante:

    Il 22 maggio di sedici anni fa moriva il leader storico del MSI Almirante, l’uomo politico, nasce con il Movimento Sociale Italiano. È ormai inverno del 1946. L’Italia esce dalla guerra stremata. L’Italia aveva perduto la guerra e ora pagava per avere concepito un equilibrio internazionale fondato sul principio del comune diritto dei popoli alle fonti di energia.

  • ANNIVERSARIO SERVELLO RICORDA ALMIRANTE

    di Franco Servello Il 22 maggio di sedici anni fa moriva Giorgio Almirante. Questo il ricordo del senatore Franco Servello Almirante, l’uomo politico, nasce con il Movimento Sociale Italiano. È ormai inverno del 1946. L’Italia esce dalla guerra stremata. L’Italia aveva perduto la guerra e ora pagava per avere concepito un equilibrio internazionale fondato sul principio del comune diritto dei popoli alle fonti di energia. La guerra aveva portato nel nostro Paese violenta discriminazione, odio politico, condanna inappellabile. Vi erano uomini in buona fede che avevano agito, offrendo in innumerevoli casi la vita, nella certezza di contribuire agli interessi storici del proprio Paese, avvenire, sicurezza economica, un domani per le nuove generazioni. Era necessario, era urgente, che menti illuminate agissero esponendosi politicamente, nella maniera più disinteressata, nel tentativo di riportare nel Paese una valutazione serena degli avvenimenti, delle scelte, del concetto stesso di avvenire. Un’opera urgente, perché la discriminazione, l’intolleranza, l’odio ideologico portano alla paralisi della vita di un popolo, la maturazione di disegni eversivi, la strada della violenza del più forte.

  • Autobiografia di un "fucilatore"

    di Giorgio Almirante ( Edizione del Borghese - Settembre 1973 )

  • Un ricordo......

    GIORGIO ALMIRANTE , il più conosciuto ed amato leader del M.S.I. e della Destra italiana dal dopoguerra fino alla fine degli anni '80 , resta ancora una figura indimenticabile per coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo o di condividere i suoi ideali e le sue scelte sempre coerenti e coraggiose.

  • Giorgio Almirante- sesta ed ultima parte

    Il XII congresso nazionale del MSI-DN (Napoli, ottobre 1979) confermò il segretario e la sua linea (con 807 voti contro 236 andati a Rauti); in queste assise il partito adottò un programma

  • Giorgio Almirante - quinta parte

    Il MSI-DN, minacciato di scioglimento, deluso dalle elezioni regionali friulano-giuliane e trentino-altoatesine del 1973 (in cui mantenne appena le posizioni delle elezioni politiche del 1972),

  • Giorgio Almirante - quarta parte

    Rieletto deputato della circoscrizione di Roma-Viterbo-Latina-Frosinone nelle elezioni politiche del 25 maggio 1958 con 49.828 voti di preferenza,

  • Giorgio Almirante - terza parte

    La sua attività di funzionario ministeriale fu interrotta tra il novembre 1944 e il gennaio 1945 dalla sua partecipazione, come tenente comandante il reparto del ministero della Cultura popolare nella brigata nera autonoma ministeriale, alla campagna antipartigiana di val d'Ossola, durante la quale però egli e i suoi uomini non ebbero mai occasione di partecipare a combattimenti.