Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Limbo assoluto

    ricevo da La Frontiera : Mi sento come perso nel limbo assoluto:tutto tace o addirittura langue!C’è chi da un lato si agita,si consuma,si mostra e si gonfia,si impadronisce di simboli e di posizioni non sue;C’è chi invece si riempie la bocca di citazioni e di aforismi;c’è chi getta acqua nel fuoco e chi invece provoca incendi paurosi e maestosi!Ci sono loschi figuri che si prodigano per gli altri e sante icone rivendute come simboli di lotta e di caos organizzato.Ogni volta che mi affaccio dal mio balcone vedo stragi silenziose e brandelli di atrocità che passeggiano per strada con calma apparente.Mi sforzo di descrivervi quello che i miei stessi occhi vedono e le mie orecchie non tanto da mercante odono,provocando in me numerose crisi di”violenza da rimbalzo”.Ora che vi sto scrivendo ho gli abiti a brandelli ed anche il mio cervello non sta tanto bene.

  • Fauna esotica a Milano

    ricevo da: La Frontiera - E’ di ieri la notizia più spassosa:la nostra fauna esotica si sta specializzando;una delle tante attività è quella pedagogica;ieri a Milano due signore su macchinina meneghina senza tettino per rubare gli ultimi raggi inquinati della Milano da bere,si sono visti abbracciare dall’affetto di 5 zingare,che come a Little Big Horn hanno circondato la vettura e mentre cercavano di farsi pagare in anticipo l’onorario strappando le borsette,una di loro ha impartito la prima lezione al bambino di 7 anni che sedeva tranquillo nei sedili posteriori,magari concentrato a ripetere con convinzione l’ultima tabellina imparata a scuola:la zingara gli ha sferrato una bottigliata decisa in testa;hanno capito come fare;occorre prenderci dal verso giusto fin da piccoli per far capire chi comanda!

  • RIFLESSIONI ELETTORALI – 5.’06.

    RIFLESSIONI ELETTORALI – 5.’06. COME L’UNIONE , SENZA VINCERE LE ELEZIONI NAZIONALI A NESSUN LIVELLO (CAMERA-SENATO+ITAL.ALL’ESTERO ), SIA ARRRIVATA AL GOVERNO (Anche per strane tattiche con proliferazione di liste all’Estero e Legge elettorale che per 23.000 voti su 40 milioni sconvolge tutto,senatori a vita ,esclusione di Musumeci grazie a Fini e della Lega Lombarda ,certo non corpi estranei nella CDL,come invece è successo nell’Unione che ha ramazzato tutto,anche l’incredibile) E COME HANNO ARRAFFATO LE MASSIME CARICHE (ormai siamo al SOVIET !) LO SAPPIAMO TUTTI ED ORA ,DOPO

  • La Bellezza....

    Ricevo e pubblico - Stasera parlerò di bellezza.Parlerò della bellezza nel senso più ampio possibile;di estetica e di armonia;di armonia di forme,di simmetrie e asimmetrie spirituali……….insomma………di tutto quello che si può dire a proposito della bellezza senza scomodare necessariamente la filosofia.La bellezza vista dall’unica angolazione per me possibile….da destra!Da una cultura tradizionalista,se vogliamo conservatrice e allo stesso tempo rivoluzionaria. Si potrebbe approfondire il dadaismo,il Futurismo e tante altre correnti e stili,assimilabili e non,ma mi limiterò ad un’umile osservazione di quello che è il mio concetto personale di bellezza .La bellezza vista da un uomo di destra. Da un uomo che crede in dei valori che continuano per lui a rappresentare un punto di riferimento assoluto;in dei valori assoluti che si avvalgono della conferma di duemila anni di storia;la conferma che solo la storia può dare e che solo l’esperienza umana ed una certa sensibilità possono riuscire a rendere tale esperienza,riproponibile ed utile.

  • UNA PACE NEL MEDITERRANEO POCO PACIFICA...

    UNA PACE NEL MEDITERRANEO POCO PACIFICA... Franco Regine a braccetto con l'amico del terrorismo? Apprendiamo della nascita del "coordinamento internazionale degli enti locali per il Mediterraneo" che il sindaco di Forio Regine ha deciso di attuare con il suo collega di Marano Mauro Bertini e l'omonimo di Sant'Anastasia. Lo stupore ci ha colto nel leggere il nome di uno dei tre sindaci promotori dell'iniziativa: Mauro Bertini. Si, proprio lui, il sindaco del PDCI, quello che lo scorso Novembre riempì le prime pagine di tutti i giornali con la sua decisione di dedicare ad Arafat la strada che invece era stata preposta all'intitolazione dei nostri Eroi Caduti a Nassirya. Bertini definì i nostri Eroi dei "martiri a pagamento" mentre il vero martire per lui è Arafat. Lo stesso Bertini che era presente alla ben nota manifestazione di Roma del febbraio scorso dove, presente anche Diliberto vennero bruciate le bandiere di Israele e degli Stati Uniti e la stessa manifestazione dove vennero uditi gli slogan e i cori infami inneggianti la morte dei nostri Eroi connazionali "10, 100, 1000 Nassirya" e ancora "Sharon terrorista". E non finisce qui, lo stesso Bertini che, qualche tempo dopo la vergognosa manifestazione di Roma a cui prese parte dichiarò «Quando stai in Palestina ti viene voglia di dare fuoco alla bandiera con la stella di David». «Lo Stato d'Israele? Un pugno nello stomaco dell’umanità» Dalle dichiarazioni di Bertini si denota tutto il suo odio verso Israele come verso i suoi stessi connazionali morti tragicamente a Nassirya ad opera di terroristi che lui ed i suoi amici definiscono "resistenti" Come si può solo pensare lontanamente di voler costruire la pace nel mediterraneo con un politico che la pensa in questo modo??? Chiediamo al Sindaco Regine di tornare sui suoi passi e di non appoggiare alcuna iniziativa che abbia al suo interno il sindaco di Marano Mauro Bertini. Non si dialoga con i terroristi! .:*~*:._.:*~*:._.:*~*:._.:*~*:._ .:*~* Andrea D'Ambra Presidente AG Isola d'Ischia Dirig. Prov.le Azione Giovani www.skugnizzo.it/agischia

  • Voglio essere schifosamente fazioso; voglio veramente superare i

    Ricevo e pubblico - Voglio essere schifosamente fazioso; voglio veramente superare i limiti….voglio esagerare!Lasciatemi parlare, cantare, urlare, sbraitare, odiare, piangere, ridere e deridere.!Siamo arrivati ad un punto che in situazioni normali definirei”di non facile ritorno”.Siamo sommersi dalla superficialità, dal relativismo in tutto, dall’autocompiacimento nell’essere bravi a sconvolgere tutto quello che fa parte dei nostri usi, valori e sentimenti.Siamo circondati da una massa indicibile di idioti, marionette e deficienti a tempo pieno.Subiamo la dittatura da parte di classi privilegiate, create a tavolino con la scusa di una loro integrazione e che in realtà di mischiarsi e perdere i loro vantaggi non ci pensano neanche da lontano.Tutto attorno a noi, si coltivano maniaci sessuali, depravati no limit, pervertiti con la medaglia d’onore.

  • Ricevo e giro dal circolo G. D'Annunzio

    ............Sessant'anni, ne sono passati più di sessanta. Tanti, pochi, fatto sta che non ho idea di dove sia finito quello spirito, quel sentimento, quel moto che accomunò tanti ragazzi, tanti "giovani", come piace dire oggi con ghigno multiculturalpopulista d'ordinanza. Amo sopra ogni altra cosa la decisione di chi mollò tutto e si consegnò alla RSI. Si, si consegnò: uno slancio massimamente disperato, disperazione pura, voglia di morire, cervello in corto circuito, anima uccisa. Tutto crollato in un giorno. Tutto cambiato in un giorno. Se non si è vissuto non si potrà mai neppure immaginare: è il peggio possibile. Immagino ragazzi cresciuti nel Ventennio, e Dio perchè non mi hai fatto nascere e crescere con loro?, provo a guardare quelle facce l'8 settembre e non riesco a immaginarle. Del resto che termini di paragone posso avere io? Che cavolo ne so? Vengono guardati in modo completamente diverso rispetto al giorno prima, dall'ortolano, dal barbiere, dalla vicina di casa. Sentono che tutto è cambiato in un attimo, non capiscono più nulla, sono farfalle che sbattono in un paralume e che vi morirebbero, una morte idiota. Com'è morto don Santoro. .........

  • Ricevo e giro: Sono un uomo di Destra

    Carissimi, Vi ringrazio, innanzitutto, per la cordiale e genuina accoglienza che mi date ogni qualvolta Vi invio del materiale. Vi scrivo, poi, per chiarire, come da Voi richiesto, il titolo del mio blog. Il titolo Destra Sociale, infatti, è stato dettato da un problema di ordine tecnico della piattaforma che lo ospita. Il nome che avevo pensato per esso era infatti: Destra nel Sociale, ma per evidenti ragioni di spazio il sito non permette titoli oltre le 12/13 lettere. Perchè Destra nel Sociale. - Perchè per un ragazzo di 26 anni, che da quasi 20 anni fa politica in un paese come Marano di Napoli, governato da oltre un decennio da Rifondazione Comunista e dai Comunisti italiani, lo spazio sociale, quello vero e puro, è diventato un Utopia degna di un filosofo molto fantasioso.

  • SESSANTAQUATTROMILIONI DI ORE DI SCIOPERO E CARO VITA

    SESSANTAQUATTROMILIONI DI ORE DI SCIOPERO E CARO VITA Ogni giorno lamentosi guru delle catastrofi ci dicono che con la destra siamo oltre la frutta. e che il caro vita ci sommergerà….ma secondo copione se “arrivano i nostri” i poveri saranno contenti e d’incanto lo stipendio medio lievitato per la magia cattocomunista potrà risolvere il caro vita Ora vorrei che gli economisti ,i politici di sinistra e i sindacalisti(esempio Pezzotta visto il suo prossimo ingresso in politica) rispondessero al popolo italiano in un linguaggio responsabile chiaro e privo di ermetismi finanziari alle seguenti domande

  • Quote rosa nei partiti

    A. N. D. IT. ASSOCIAZIONE NAZIONALE DONNE ITALIANE I.W.N.A. ITALIAN WOMEN NATIONAL ASSOCIATION COMUNICATO STAMPA QUOTE ROSA? - Per l’ANDIT-IWNA SI CONTINUA A SBAGLIARE Pur prendendo atto che la maggioranza della parlamentari si sono dichiarate contrarie alla politica delle quote rosa, la segretaria nazionale dell’ANDIT-IWNA, Domitilla Baldoni, che in seno alla Commissione Nazionale Pari Opportunità ha dichiarato e motivato la contrarietà al provvedimento legislativo per l’inserimento di una quota di donne nelle liste elettorali, fa rilevare come ancora si sia lontane dalla rivendicazione, l’unica possibile ed efficace, che siano i Partiti,nella responsabilità dei loro vertici, ad inserire le donne negli incarichi di massimo livello, per consentire una vera politica paritaria che giovi al partito stesso oltre che alla società che del contributo delle donne ha bisogno Daniela Santanché che chiede una modifica degli statuti dei partiti per l’inserimento delle donne, la Baldoni fa rilevare che anche in questo caso si tratterebbe di quote rosa. Sarebbe molto più semplice che il presidente Fini invece di promettere i posti in lista ad una quota di donne, inserisse le donne negli organi di Alleanza nazionale. La stessa Santanché alla quale è affidato il Dipartimento Pari Opportunità, non fa parte dell’esecutivo del partito nel quale su 37 membri, solo tre sono donne, così come non fa parte della Direzione Nazionale dove su 96 membri le donne sono quattro. Allo stesso modo, il Presidente di Forza Italia, che apprezziamo come Capo del Governo, dovrebbe comprendere che considerare il mondo femminile come parte sociale nei colloqui informativi sui provvedimenti governativi, avrebbe una valenza superiore ai the organizzati dalla “azzurre” e conquisterebbe alla sua causa una buona parte di quell’elettorato che nella disaffezione verso le donne da parte delle forze politiche, trova un motivo sufficiente non per votare contro, ma per estraniarsi dal voto. “Che senso ha, ci chiediamo quale Associazione che ha la più antica vocazione europea nel suo statuto (1977) - conclude Domitilla Baldoni - continuare ad affermare e chiedere che si proceda ad offrire maggiori opportunità o che si passi alle “pari libertà” mentre si dovrebbe rivendicare le “pari responsabilità” e invece all’interno dei partiti di appartenenza si resta relegate nel gineceo? Dove sono le proposte, dove sono le opinioni che influiscono sulle scelte politiche del nostro Governo? Eppure uomini di grande importanza di questo governo fanno parte, ma non abbiamo trovato traccia di interventi nati e motivati dalla componente donna dei partiti stessi.” «L’Unione è un’armata Brancaleone» Latina: Fini da Roma ordina, An unita alla meta Roma : VILLA TROILI: CIMITERO DI AUTO RUBATE Gasbarra vola a New York Il sito della provincia offende gli Usa Roma: VILLA TROILI: ANCORA REATI SUL TERRITORIO &#nbsp;