Questo sito contribuisce alla audience di

Brescia«Azione giovani» verso quota 1.000: siamo soddisfatti

A qualche mese di distanza dalle elezioni i ragazzi di «Azione giovani», il movimento giovanile di An, presentano i loro programmi per il 2003. Un anno che vivrà l'appuntamento più importante il giorno delle amministrative, ma che vede impegnati i ragazzi in altri ambiti. Fabio Mandelli, dirigente nazionale e provinciale del movimento, presenta tutte le iniziative, poi analizzate più in profondità dai suoi collaboratori;

la presenza dell’onorevole Stefano Saglia, deputato e presidente provinciale di An, serve per ribadire che il movimento giovanile è parte integrante e importante di un partito politico di livello nazionale: «Le nostre liste - spiega Saglia - devono essere giovani per i giovani, per usare uno slogan. I temi forti, come la droga o il disagio sociale, anche in relazione agli ultimi tragici eventi, devono essere trattati con maggior repressione, ma soprattutto maggior prevenzione. Ed è quello che noi ci proponiamo di fare».
Questo grazie anche a un maggior radicamento nel territorio: «Abbiamo 902 iscritti in 24 Comuni - conferma il presidente provinciale di «Azione giovani» Andrea Ghezzi -: un aumento del 70 per cento rispetto allo scorso anno. In provincia possiamo contare su 16 circoli, e direi che questo è un risultato che ci soddisfa in pieno”.

Matteo Soana, presidente cittadino del movimento, presanta la prima iniziativa importante intrapresa, che ricalca un’indicazione nazionale: «C’è la richiesta di contribuire attraverso l’8 per mille alle associazioni islamiche. Fino a quando non saranno chiarite le posizioni e le finalità di queste associazioni, che in alcuni casi vanno contro l’ordinamento repubblicano del nostro Paese, proponiamo una raccolta di firme per impedire che siano versati contributi pubblici a questi centri».

Raccolta di firme, ma anche altri momenti: è prevista entro un mese una rappresentazione teatrale sulla vita di Sergio Ramelli, il diciannovenne studente di destra ferito mortalmente a sprangate nel ’75.

Mario Mattei

Brescia oggi

Ultimi interventi

Vedi tutti