Questo sito contribuisce alla audience di

PISTOIA — Il ministro dell'ambiente

Il ministro dell'ambiente Altero Matteoli, sarà stamani all'Abetone, dove parteciperà alla riunione promossa dal sindaco Giuseppe Montagna, per esaminare la situazione venutasi a creare dopo l'incendio che ha distrutto l'ovovia. «Spero - ha dichiarato ieri Matteoli - che le ipotesi di attentato non trovino conferma. Se così fosse si tratterebbe di un episodio gravissimo che colpisce la popolazione di una delle località più suggestive della Toscana».

Il primo intervento in ordine di tempo è iunto nella mattinata da Riccardo Nencini, presidente del consiglio regionale: «Sono preoccupato per la piega che stanno prendendo le indagini e per l’ipotesi di un’ azione degli ecoterroristi — ha dichiarato — È’ una pista che può avere ricadute negative sul tessuto economico e turistico e in Toscana ci sono stati ripetuti episodi legati a quest’area».

Il sottosegretario alla Difesa, Francesco Bosi,ha assicurato «la piena disponibilità per la ricostruzione».
Il sottosegretario Roberto Tortoli (Forza Italia) ha espresso alla popolazione «piena solidarietà nella speranza che sia stato causato solo da eventi accidentali e imprevedibili».
L’on. Monica Baldi (Forza Italia), pistoiese di nascita, richiama tutti «all’impegno per ruscire ad evitare ulteriori gravi danni e per attuare nel più breve tempo possibile la ricostruzione». «Dev’essere condannato e isolato - quali che siano le folli ragioni che l’hanno motivato - l’atto di violenza compiuto contro gli impianti di risalita dell’ Abetone». Lo afferma Vannino Chiti coordinatore nazionale dei Ds che condanna «il gesto che distrugge con la violenza una attività di lavoro che con la collaborazione pubblico-privati rappresentava una rilevante occasione di sviluppo». Riccardo Migliori (An) in un’interrogazione al ministro Pisanu ha chiesto «iniziative urgentissime per riattivare l’economia della montagna pistoiese».

Fabio Pacini consigliere regioanle di An ha chiamato dall’estero il sindaco Montagna che si è detto «lieto per le inocaraggianti parole dell’assessore provinciale Risaliti».

Ultimi interventi

Vedi tutti