Questo sito contribuisce alla audience di

BR: SONO DESDEMONA LIOCE E MARIO GALESI

Mario Galesi, 37 anni, sarebbe l' uomo arrestato oggi insieme a Nadia Desdemona Lioce, dopo la sparatoria sul treno Roma-Firenze. Come la Lioce, anche Galesi era irreperibile e ricercato, nell' ambito delle indagini per l' omicidio D' Antona, per la ricostituzione delle Brigate Rosse. Galesi e' stato arrestato una prima volta nel 1986, quando, insieme ad alcuni complici, aveva cercato di introdursi nello stadio Flaminio. L' accusa era di partecipazione a banda armata, ma due giorni dopo e' stato scarcerato per assoluta mancanza di indizi.

ROMA - Nadia Desdemona Lioce, pisana, 43 anni, ex esponente dei Nuclei Comunisti Combattenti (Ncc), e’ irreperibile dal 1995. Il suo nome e’ emerso nell’ ordinanza di custodia emessa nei confronti di Alessandro Geri, l’ uomo che era stato accusato di essere il telefonista nell’ omicidio D’ Antona.
Secondo l’ accusa, Lioce farebbe parte del gruppo che avrebbe segnato la fase di ricostruzione delle Brigate Rosse, dopo la ritirata strategica del 1989. E’ stata legata a Luigi Fuccini, arrestato a Roma nel 1995 insieme con Fabio Matteini perche’ trovato in possesso di armi. Da allora non si sa piu’ nulla di lei. Fonti degli investigatori l’ hanno pero’ segnalata prima in Francia e poi in Germania.

Dopo l’ omicidio D’ Antona il suo nome ricompare sulle cronache. Un accostamento che porta la famiglia a diffondere, attraverso un legale, una nota per ricordare che la donna ”e’ una libera cittadina, mai sottoposta ad alcun procedimento penale per reati associativi ne’ di altra natura”.
Ma il 31 ottobre 2002, nell’ ambito delle indagini sull’ omicidio D’ Antona, il gip Maria Teresa Covatta emette sei ordinanze di custodia cautelare nei riguardi di presunti appartenenti alle Br-Pcc, su richiesta della procura della Repubblica di Roma: si tratta degli irriducibili Antonino Fosso, Michele Mazzei, Francesco Donati e Franco Galloni e di due irreperibili, la Lioce e Mario Galesi. Nel capoluogo toscano la digos perquisisce le abitazioni dei familiari della Lioce ed anche l’ abitazione di un altro familiare a Foggia, citta’ di origine della donna. A destare l’ attenzione dei magistrati e’ stata proprio l’ irreperibilita’/clandestinita’ della Lioce e di Galesi, in concomitanza con la ripresa dell’ attivita’ terroristica delle Brigate Rosse.

La donna, trasferitasi in Toscana, fino all’ inizio del 1995 risultava convivente a Pisa con Luigi Fuccini, 42 anni, pisano. Si allontano’ dalla citta’ toscana nel febbraio di quell’ anno, il giorno dopo l’arresto a Roma del suo compagno e di Fabio Matteini, 42 anni, fiorentino, proclamatisi appartenenti ai Nuclei comunisti combattenti e prigionieri politici dopo essere stati fermati dalla polizia per un normale controllo. Nel 1997 la digos di Firenze la segnalo’ alla magistratura per i suoi presunti collegamenti con gli Ncc. Nel 2002 riappare nell’ ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip della procura di Roma.

Mario Galesi, 37 anni, sarebbe l’ uomo arrestato oggi insieme a Nadia Desdemona Lioce, dopo la sparatoria sul treno Roma-Firenze. Come la Lioce, anche Galesi era irreperibile e ricercato, nell’ ambito delle indagini per l’ omicidio D’ Antona, per la ricostituzione delle Brigate Rosse. Galesi e’ stato arrestato una prima volta nel 1986, quando, insieme ad alcuni complici, aveva cercato di introdursi nello stadio Flaminio. L’ accusa era di partecipazione a banda armata, ma due giorni dopo e’ stato scarcerato per assoluta mancanza di indizi. Galesi torna sulla scena nel ‘97 con una rapina da 120 milioni di lire (le cui modalita’ fanno pensare all’ autofinanziamento) nell’ ufficio postale di via Radicofani, a Roma. Nel ‘98, sfruttando un permesso, Galesi sparisce dalla circolazione quando gli rimanevano pochi anni di carcere da scontare. Il nome di Galesi riappare quindi, insieme a quello della Lioce, il 31 ottobre dello scorso anno, nell’ ordinanza di custodia nell’ ambito delle indagini sull’ omicidio D’ Antona, emessa dal gip Maria Teresa Covatta nei riguardi di presunti appartenenti alle Br-Pcc, su richiesta della procura della Repubblica di Roma.

02/03/2003 16:16

Ultimi interventi

Vedi tutti