Questo sito contribuisce alla audience di

Il Secolo di oggi 25 gennaio

Qualcosa di destra... An determinata a mandare in porto la riforma della legge sulla droga Intanto dalla Camera via libera alle nuove norme sulla legittima difesa ROMA. Qualcosa di destra. Qualcosa che assicura sicurezza e legalità ai cittadini. Mentre An annuncia che, nella forma di emendamento di uno dei provvedimenti esaminati nei prossimi giorni al Senato arriva l’attesa riforma sugli stupefacenti, la Camera intanto approva la legge sulla legittima difesa. D’ora in avanti, se un ladro entra in casa ci si potrà difendere senza gli impedimenti che sinora rischiavano di trasformare la vittima in aggressore. L’aula di Montecitorio ha infatti approvato il provvedimento che prevede la possibilità per i cittadini di usare le armi in casa per difendere se stessi, i propri familiari e i propri beni. La legge è passata con 244 voti a favore e 175 no. Nell’ipotesi di violazione di domicilio, in altri termini, non sarà più punibile chi si difende contro i malviventi e arriva a colpirlo per legittima difesa per salvaguardare la propria e altrui incolumità. Quasi scontate da sinistra le polemiche. Se il ministro Castelli parla di un importante passo avanti per Abele che la maggioranza ha regalato ai cittadini, dall’opposizione parlano infatti di norma incostituzionale, di far west, di privatizzazione della sicurezza. «Grazie alla muova riforma – sostiene invece Raffaele Zanon, di An – si compie l’impegno della destra sul fronte della sicurezza: finalmente ci si potrà difendere dall’aggressore senza il timore di venire perseguitati». Alleanza nazionale esprime quindi soddisfazione, ma, nel contempo, chiede ora agli alleati che nello sprint di fine legislatura venga anche approvata al più presto la legge-stralcio sulla droga per contrastare l’emergenza stupefacenti e combattere adeguatamente gli spacciatori. - pagina 5 Prodi ora gioca la carta dello show Duetto con Fiorello cercando l’effetto simpatia. Ma non riesce a cantare “Roma Capoccia” Strage di Bologna, i pm si giustificano La pista Carlos fu ignorata senza motivo. An incalza gli inquirenti: adesso, approfonditela COMPETITIVITA’ E’ ANCHE IL PONTE SULLO STRETTO Dormi nuda?» Le telefonate di padre Fedele Conferenza Stampa Fare Verde - Giovedi 26 Gennaio L'Affidamento condiviso è legge

Ultimi interventi

Vedi tutti