Questo sito contribuisce alla audience di

Fini An si gioca tutto

tratto da RaiNews24 - Politica. Fini: nessuna staffetta Berlusconi-Letta. Elezioni, An si gioca tutto Ho grande stima per Gianni Letta, ma non è ipotesi che si pone quella che possa prendere il posto di Berlusconi, come già detto tra l'altro dallo stesso premier". Il leader di An, Gianfranco Fini, negli studi Rai di 'Radio anch'io' boccia l'ipotesi di staffetta tra Berlusconi e il sottosegretario Letta.

Iraq
“La guerra anglo-americana non fu errore”, ha spiegato Fini rispondendo ad una domanda di un ascoltatore. A proposito della missione italiana a Nassirya, il titolare della Farnesina ha ricordato che le stesse parole, qualche settimana fa, sono state pronunciate anche dal presidenmte della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. “Noi non abbiamo fatto una guerra - ha sottolineato Fini - ma siamo interenuti solo dopo la caduta di Saddam e con una risoluzione dell’Onu. Di sicuro non si può avere nostalgia di Saddam”.

Ora, ha aggiunto il ministro degli Esteri “chi chiede di restare agli italiani sono gli stessi iracheni”. Certo, ha risconasciuto Fini, “in Italia esiste una pubblica opinione che è contratria e che va rispettata, ma bisogna anche essere consapevoli che se si vuole la pace non bastano solo le manifestazioni ma anche l’assunzione di responsabilità. Io non ho alcuna simpatia per un certo tipo di pacifismo che è una caricatura di se stesso, ma vivere in pace significa eliminare i germi della violenza”.

An partito di Fini?
“Non l’ho chiesto io. Lungi da me la tentazione di voler fare un partito su misura”, si schernisce ai microfoni di ‘Radio anch’io’ il vice presidente del Consiglio, incalzato sulla scelta di inserire il suo nome nel simbolo del partito per le prossime elezioni. Fini ha ricordato come una richiesta in tal senso fosse stata avanzata da “500 dirigenti del partito all’unanimità”. “Non è certamente presunzione, semmai -ha sottolineato il leader di An- si tratta della massima assunzione di responsabilità, perché in queste elezioni ci giochiamo tutto e, dunque, dobbiamo farlo in prima persona e tutti hanno il dovere di farlo, a partire dal presidente del partito”

Ultimi interventi

Vedi tutti