Questo sito contribuisce alla audience di

Napoli: Santoro e Diodato: «Inopportuna la presenza del COMABA

....Troviamo singolare che ad una importante riunione istituzionale convocata dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Napoli per fare il punto sulla vicenda del divieto di balneazione di Bagnoli e Coroglio partecipi anche un soggetto privato quale il presidente del COMABA....

L’Ufficio Stampa del Gruppo Consiliare di

Alleanza Nazionale

Comune di Napoli - Calata S.Marco, 13 tel.0815521809-0815513203 fax 0815519280

Prot.1079.06 Napoli, 03.08.06

Comunicato Stampa

Santoro e Diodato: «Inopportuna la presenza del COMABA alla riunione istituzionale per Bagnoli presso l’Assessorato all’Ambiente»

Il consigliere regionale Pietro Diodato e il consigliere comunale Andrea Santoro hanno rilasciato una nuova dichiarazione sulla vicenda del divieto di balneazione di Bagnoli e Coroglio:

«Troviamo singolare che ad una importante riunione istituzionale convocata dall’Assessore all’Ambiente del Comune di Napoli per fare il punto sulla vicenda del divieto di balneazione di Bagnoli e Coroglio partecipi anche un soggetto privato quale il presidente del COMABA.

«Viene spontaneo chiedersi il ruolo che deve avere questo soggetto nel corso della riunione che, secondo quanto annunciato dallo stesso Assessore, deve servire “per concordare in tempi brevi le modalità della messa in sicurezza del tratto di spiaggia oggetto dell’Ordinanza”.

«Una presenza inopportuna anche in considerazione del tenore di certe dichiarazioni rilasciate dal sig.Frenna, quale rappresentante pro-tempore del COMABA, che piuttosto che offrire collaborazione alle istituzioni pare voglia deriderle con poco opportune battute sull’affondamento o meno di una petroliera al largo di Bagnoli, ma soprattutto con minacce di ricorsi al Tar, con minacce di richieste di risarcimento e, cosa peggiore, utilizzando la minaccia del licenziamento dei lavoratori in servizio presso i lidi.

«L’imprenditorialità privata deve essere salvaguardata, ma non si può mettere a repentaglio la salute dei napoletani, come testimoniato dall’intervento odierno dell’illustre prof.Giulio Tarro, primario di virologia al Cotugno.

«Da un lato sarebbe opportuno chiarire il motivo dei ritardi con cui sono arrivati i risultati di analisi commissionate dieci mesi fa dal Comune. Dall’altro, sarebbe opportuno verificare come mai il COMABA era così certo di poter svolgere le proprie attività imprenditoriali-balneari quando era di dominio pubblico la notizia della presenza di idrocarburi sui fondali che pregiudicavano la balneabilità dei lidi».

Ultimi interventi

Vedi tutti