Questo sito contribuisce alla audience di

Petizione di An in Lombardia contro la legge sulla cittadinanza

MILANO — Dopo i quattro delitti avvenuti a Brescia negli ultimi giorni, Alleanza Nazionale ha deciso di lanciare due raccolte firme: una rivolta ai cittadini contro la proposta del governo di diminuire gli anni necessari per chiedere la cittadinanza italiana, e una riservata alle amministrazioni perché il Centro di Salute internazionale e di Medicina transculturale di Brescia sia intestato a Hina Saleem, la ragazza pachistana uccisa dal padre per i suoi modi troppo occidentali.

A presentare le due petizioni, ieri, è stata la vicepresidente della Regione Lombardia, Viviana Beccalossi, insieme con il capogruppo di An in Comune, Andrea Arcai, e il capogruppo nella circoscrizione del centro storico Mario Laborani.

Mario LabolaniMa non sono solo queste le iniziative lanciate da An che chiede anche di approvare in Consiglio comunale una mozione perché il governo faccia passare la questura di Brescia in fascia primaria e consideri l’aeroporto di Montichiari come zona di frontiera, come già chiedeva un ordine del giorno presentato da Stefano Saglia nella scorsa legislatura e approvato dal Parlamento. Una decisione di questo tipo, infatti, porterebbe subito in città più agenti di polizia.

Ultimi interventi

Vedi tutti

Link correlati