Questo sito contribuisce alla audience di

Aumenta l'uso della cocaina

da Corriere it - Diminuiscono invece gli «affezionati» dell'eroina Droghe, in aumento l'uso della cocaina Livia Turco ha presentato alla Camera i dati dell'ultima relazione governativa sulle tossicodipendenze: arresti in crescita esponenziale

ROMA - Aumenta il numero di persone che fanno uso di cocaina: dai 350.000 stimati nel 2001 si passa ai 700.000 del 2005. Il dato è stato reso noto dal ministro della Salute Livia Turco, durante un’informativa alla Camera in cui ha presentato i risultati dell’ultima relazione fatta in Parlamento. «Aumenta la diffusione e il consumo di droghe illegali nella popolazione - ha detto la Turco - nonostante che l’uso di eroina e di cocaina sia disapprovato e percepito come rischioso. Maggiore tolleranza si rileva invece rispetto ai consumi di cannabis». Inoltre «circa 9 milioni di persone approvano l’utilizzo di cannabis e lo ritengono non dannoso per la salute. Si stima che, nel 2005, 3.800.000 italiani abbiano fatto uso di cannabis (contro i 2.000.000 del 2001), fra questi mezzo milione ha fra i 19 e i 21 anni». Diminuiscono invece gli «affezionati» dell’eroina.
USO DI PIU’ SOSTANZE - Tabacco e alcol sono le sostanze di iniziazione per la maggioranza dei consumatori di droghe. Si stima, inoltre, che oltre 2 milioni di italiani hanno fatto uso associato di più sostanze illegali nel 2005. «Ogni anno 29.000 persone - dice Turco - iniziano ad abusare di eroina e 9.000 di cocaina. I soggetti che fanno un utilizzo delle sostanze tale da richiedere un intervento terapeutico sono circa 200.000 per gli oppiacei e 150.000 per la cocaina». Secondo i dati riportati dal ministro della Salute «nel 2005 sono deceduti per overdose 603 soggetti (dato sottostimato). La causa del decesso è stata attribuita nella maggior parte dei casi all’eroina; si muore di overdose prevalentemente nella propria abitazione; Umbria e Lazio sono le regioni dove si registrano il maggior numero di decessi per overdose, Perugia e Roma le province più a rischio».
PATOLOGIE E COSTI - Per quanto riguarda le patologie infettive, quelle più diffuse fra i soggetti in carico nei servizi pubblici sono l’epatite C (61,4%) l’epatite B (41,7%) e l’HIV (13,8%). Infine, riporta il ministro «negli ultimi 5 anni si è evidenziata una generale diminuzione del costo unitario di alcune sostanze. Si osserva una progressiva diminuzione del prezzo della cocaina nel corso del quinquennio, passando dai 99 euro al grammo del 2001 agli 87 euro del 2005 e dell’”eroina nera”, che dai 69 euro al grammo del 2001 passa ai 54 euro nell’ultimo anno».
AUMENTO DEGLI ARRESTI - La Turco ha anche sottolineato «un rilevantissimo aumento delle segnalazioni all’autorità giudiziaria e degli arresti per detenzione di cannabis nel periodo tra maggio e ottobre del 2006 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente». Dati che secondo il ministro sono la dimostrazione della necessità del nuovo decreto che innalza la soglia massima della quantità detenibile di cannabis per uso personale. «Sono aumentati del 10,1% gli arresti per possesso di hashish, mentre gli arresti di chi era in possesso di marijuana è aumentato addirittura del 63,9%, e per quelli in possesso di piante intere di cannabis c’è stato un incremento del 17,85%».

19 novembre 2006

Ultimi interventi

Vedi tutti