Questo sito contribuisce alla audience di

In memoria di Angelo Pistolesi

ANGELO PISTOLESI: COME OGNI ANNO BENVENUTI e MARCHI (AN) DEPORRANNO DOMANI 28 DICEMBRE ALLE ORE 9 UN MAZZO DI FIORI AL PORTUENSE, IN VIA STATELLA, NELL’ ANNIVERSARIO DELL’ASSASSINIO DEL MILITANTE DI DESTRA PISTOLESI “Come ogni anno, Piergiorgio Benvenuti, Capogruppo di AN alla Provincia di Roma, accompagnato dal Consigliere Comunale di Roma, Sergio Marchi e dal Capogruppo di AN al XV Municipio, Marco Palma, DOMANI 28 dicembre, ALLE ORE 9, deporranno un mazzo di fiori nel luogo dove il terrorismo comunista assassinò il militante di Destra, Angelo Pistoleri, al Portuense, in Via Statella”. “Nei quindici anni che vanno dal 1969 al 1984 gli attentati sono stati 14.495 di cui 343 con morti e feriti. Pauroso il conto delle vittime accertate in quei 15 anni: 394 morti e 1.033 feriti”. “Angelo Pistoleri è stato uno dei tanti giovani di Destra che sono caduti sotto i colpi del terrorismo rosso. Militante di Destra del quartiere Portuense –ricordano Benvenuti, Marchi e Palma- la sera del 28 dicembre 1977 fu chiamato al citofono di casa dal suo assassino o da suoi assassini, forse con la scusa di dover consegnare un pacco ed uscito dal portone in Via Statella al Portuense, fu fermato per sempre da una scarica di pallottole che lo raggiunsero in pieno petto”. “L’azione poi –ricorda Benvenuti e Marchi - venne rivendicata con toni eroici dai Nuovi Partigiani. Ed ogni anno abbiamo voluto ricordare Angelo assassinato in un quadrante di Roma dove il terrorismo rosso lasciò vari segni di morte. Come a Via Statella con Angelo, in Via dei Prati dei Papa dove furono assassinati dalle Brigate Rosse gli agenti della Polizia di Stato Giuseppe Scravaglieri e Rolando Lanari ed a Piazza della Radio l’Agente Graziosi, auspicando che pagine di terrore e di violenza siano definitivamente archiviate nella storia”. “Un ricordo rivolto soprattutto alle giovani generazioni –prosegue Benvenuti- e parafrasando il pensatore rinascimentale Erasmo da Rotterdam “le migliori speranze di una Nazione riposano nell’educazione adeguata dei suoi giovani”, proprio perché quel clima di odio e di violenza non debbano più verificarsi nelle strade della nostra Nazione”. “Pertanto –concludono Benvenuti, Marchi e Palma- come ogni anno domani 28 dicembre alle ore 9, ci recheremo in Via Statella per deporre un mazzo di fiori in memoria di un Caduto che purtroppo le cronache hanno sempre dimenticato”.

,,

Ultimi interventi

Vedi tutti