Questo sito contribuisce alla audience di

Argomenti correlati

  • FINI: DROGA, BASTA INDUGI

    «Impedirne l’uso è un dovere morale». E i Ds aprono all’eroina di Stato ROMA. «La lotta alla droga per questo governo è un dovere di carattere morale e va fatta senza se e senza ma», afferma categoricamente il vicepremier Gianfranco Fini alla Conferenza di Palermo sulle tossicodipendenze. Ma le sue parole trovano un coro di critiche dell’opposizione, sempre più posizionata verso l’opzione anti-proibizionista dei neo-alleati radicali di Capezzone. Al punto che mentre Fini ribadisce la posizione di An di fermezza contro gli spacciatori e di negazione del diritto individuale di drogarsi, la diessina Livia Turco arriva a proporre addirittura la cessione controllata di eroina ai tossicodipendenti, confortata dal popolo dell’ultra sinistra giovanile che contesta il ddl Fini e rivendica il primato della canna libera. Ieri, a Palermo, il leader di An ha parlato chiaro: la legge per il contrasto dell’uso di sostanze stupefacenti sarà approvata entro fine legislatura, anche con il voto di fiducia, se necessario. E la stessa ex Cirielli, già approvata dal Parlamento, potrebbe essere modificata per armonizzarla con il ddl Fini, evitando così che i tossicodipendenti recidivi possano restare tagliati fuori dalla possibilità di un recupero. Accade così che paradossalmente il centrosinistra si ritrovi a criticare l’annuncio di modifica della ex Cirielli dopo aver tuonato contro la stessa normativa. Ma il governo, come ha spiegato ieri Fini, ha intenzione di andare avanti nella sua battaglia contro la droga, e non solo attraverso strumenti normativi, ma anche con un’opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica. «Lancio un appello agli opinion leader giovanili: facciano sentire la loro voce, facciano capire che drogarsi non è un diritto», ha detto ieri Fini, concludendo a Palermo i lavori della quarta conferenza nazionale sulle tossicodipendenze. ............ An mette in moto la base “all’insegna di Fini premier” Andreotti e la Cia: i diari dell'ex Presidente NASCE A ROMA IL PRIMO COMITATO FEMMINILE PER FINI PREMIER