Questo sito contribuisce alla audience di

Ciauda: il fenomeno che invade l'Italia

In concerto al LIAN CLUB Via degli Enotri 6, S.Lorenzo - ROMA ORE 22.00

Il messaggio della world music dei Ciauda è un messaggio di pace e di fratellanza.

Ciauda, infatti, è “il saluto del mondo che sta nella mano di tutti”. Ed ecco che le sonorità mediorientali, l’uso talvolta del dialetto siciliano catanese si fondono in un sound che avvolge e coinvolge il pubblico.

La voce e le musiche dei Ciauda si sono modulate, dopo una ricerca durata oltre 5 anni, su un suono che riecheggia le voci dei quartieri delle città meridionali e mediorientali, miste a delicati fraseggi progressive.

I Ciauda durante gli inizi del 2007 si esibiscono nei vari club di fama della capitale, vincono “Atellana festival” a Caserta e registrano il loro primo album a Terni, presso lo studio GTpro con la collaborazione di Ezio Zaccagnini nel ruolo di direttore artistico e batterista, Riccardo Ciaramellari, arrangiatore, pianista e fisarmonicista; un altro incontro fondamentale è stato quello con Geoff Westley, che colpito dal brano “Unnè”, valutandolo di spessore internazionale, decide di produrlo all’estero.

Ma il percorso non poteva che avere inizio nella terra natale, la Sicilia, dove i Ciauda sono già un fenomeno trasmesso in tutte le radio.

I Ciauda sono: Emanuele Di Giorgio (chitarra e voce), Riccardo Ciaramellari (tastiere e fisarmonica), Giuseppe Tomaselli (vocal-bass), Fabio Vassallo (contrabbasso), Ezio Zaccagnini (batteria e percussioni).