Questo sito contribuisce alla audience di

Lamentele sulla gestione dei provini di Amici

Una mail che racconta l'odissea vissuta durante i provini di Amici.

i casting di amici di maria de filippi

Di polemiche e portesta sulla gestione dei provini ad Amici se ne sono sentite parecchie, da chi affermava che i professori non c’erano, a chi sosteneva che Vessichio non era l’unico a decidere sul passaggio del turno, perchè sempre assente eccettera eccetera.

E’ però arrivata una mail al sito amici7.blogspot.com/, che segue ed aggiorna periodicamente le sue pagine sulla trasmissione di Maria De Filippi, con il racconto di una ragazza estremamente arrabbiata per come era andata la giornata di provini.

Questa è la sua testimonianza, con le risposte alle domande che gli sono state rivolte dai gestori del Blog.

Ci racconti la tua esperienza il giorno dei provini?

Sono stata convocata il 30 aprile, con l’ordine di presentarmi il 6 maggio alle 7 del mattino davanti agli studi di Cinecittà. Siccome abito a tre ore da Roma, in un piccolo paese, sono dovuta partire il giorno prima arraggiandomi per il pernottamento. Ma fin qui, tutto normale. Il 6 maggio, dopo essermi svegliata alle 5 del mattino per essere lì puntuale alle 7, mi sono ritrovata davanti ai cancelli con un migliaio di altri ragazzi.

C’erano più uomini o donne?

Il numero, a occhio e croce, credo fosse lo stesso. Forse più donne.

Poi cosa è successo?

Siamo stati divisi in due gruppi: cantanti e ballerini venivano chiamati a turno. Abbiamo compilato dei fogli con i nostri dati personali e verso le 9 sono iniziati i provini, negli studi di C’è posta per te. Ci hanno fatto scegliere tra una ventina di canzoni e si sono formati diversi gruppi in base al brano scelto, provinati in ordine di canzone. Come si vede anche in televisione, 4 o 5 ragazzi in fila si passano il microfono e cantano una strofa.

E tu quando sei passata?

Sono stata sfortunata, ho optato per una canzone che non aveva scelto nessun altro, quindi sono stata provinata per ultima verso le 12 e 30 insieme ad altre due ragazze che avevano brani ancora diversi. Ma il primo provino si può tranquillamente chiamare “perdita di tempo”.

Perché?

Perché noi maggiorenni siamo stati solo sentiti, ma non è stata fatta alcune “scrematura” mentre i minorenni facevano solo quel provino. A quel punto siamo stati accompagnati fuori e divisi in due gruppi: chi doveva andare in bagno, chi a mangiare. E qui il primo intoppo.

In che senso?

Nel senso che essendo io stata provinata per ultima sono anche uscita per ultima e mentre ero in fila per mangiare sono stata richiamata al volo per rientrare nello studio di Amici, dove siamo stati sistemati sugli spalti (io e molti altri a digiuno), seduti ad abbrustolirci alla luce dei faretti fino alle 16 e 30, ora in cui è stata registrata la puntata, finita verso le 18 e 30.

E a quel punto?

Siamo usciti dallo studio e ci hanno riaccompagnato nella sala prove dove sono iniziati i veri e propri provini con lo stesso ordine della mattina. A quel punto, ci hanno pure chiesto se avevamo problemi di treno o altri mezzi per tornare a casa, peccato che poi se ne siano altamente fregati.

Tu hai avuto difficoltà a tornare a casa?

Io personalmente avevo il treno alle 20 e 30 da Termini ma sono stata provinata alle 20 e 10, capirai… Alle 20 e 15 ho preso la metro di corsa per andare alla stazione dove sono stata costretta a prendere al volo il treno senza il biglietto altrimenti lo avrei perso e sarei dovuta tornare il giorno dopo. Tutto questo giochetto mi è costato 35 euro anziché 12, causa sovrapprezzo di biglietto non fatto in biglietteria.

E alla fine come è andata?

Non sono stata presa, ma ci tengo a precisare che in tutte e due i provini mi hanno fatto cantare solo due righe della canzone da me scelta. E sono stata mandata via alle otto di sera passate perché, a detta loro, non avevano più tempo di farci cantare la canzone per intero, nemmeno fino al ritornello. Sinceramente penso che se tornassi e mi ascoltassero come si deve, potrei benissimo essere presa.

Sembri molto sicura

Sì, lo dico con molta sicurezza perché so di essere brava davvero. Ho fatto lezioni di canto con una maestra che è rimasta molto soddisfatta dei miei progressi tecnici e vocali. Ma a parte questo, che potrebbe anche essere un giudizio soggettivo, mi sono comunque sentita presa in giro! Non si tengono i ragazzi a digiuno tutta la giornata, trascinati come bestie per gli studi di Cinecittà, per poi mandarli a casa senza quasi sentirli cantare (o vederli ballare) perché non c’è più tempo.

Quale è stato l’aspetto più negativo?

Ovviamente non essere stata presa. Ero molto arrabbaiata, sono arrivata a casa a mezzanotte passata senza colazione, pranzo, cena e senza nemmeno essere stata ascoltata!

Hai avuto modo di conoscere qualche professore?

No, non ho visto né parlato con nessuno di loro. Si presentano solo per la registrazione della puntata e poi se ne vanno.

Maria De Filippi l’hai vista?

Solo in trasmissione ma ha avuto lo stesso comportamento distaccato dei professori. L’unico che è stato un poco in mezzo a noi, anche se io personalmente l’ho visto solo di sfuggita, è stato Luca Zanforlin, presente alla prima sessione di provini.

Qualcuno ha scritto che si dovrebbe accedere alla seconda scrematura previo assenso di Vessicchio, ma che il maestro in realtà non si vede quasi mai. Confermi?

No, in realtà il maestro era presente sia in trasmissione che nella seconda sessione di provini. Quando ho cantato io non c’era ma solo perché c’erano stati dei problemi con i cantautori e si era dovuto assentare un attimo.

Quale era l’atmosfera generale tra i ragazzi provinandi?

Sinceramente, detto in due parole, erano tutti molto stanchi e incazzati!

Ti è parso che qualcuno fosse raccomandato?

Non saprei dirti, però certo in questo campo se non hai la raccomandazione fai poco. Io posso solo dire, a ragion veduta, che sono stati presi ragazzi che non lo meritavano affatto a fronte di altri bravi scartati.

Ti ripresenteresti il prossimo anno?

Sinceramente non saprei risponderti. Però penso di sì: non mollo facilmente e faccio di tutto per ottenere ciò che voglio. Che in questo momento è il successo come cantante. Certo se dovessi ripresentarmi, visto come sono andate le cose, sceglierei una canzone che cantano in tanti, almeno non passo per ultima (e mangio!)”.

Questa è la testimonianza di una ragazza, magari qualcuno ha invece vissuto un’esperienza totalmente diversa. Se qualcuno volesse quindi ribattere o raccontarci la propria esperienza avvenuta ai provini non vi resta che contattarmi alla mia mail, cercherò di dare voci ai vostri resoconti

Le categorie della guida