Questo sito contribuisce alla audience di

Coloro che credono

La " voglia " di angeli confermata da innumerevoli echi, mi ha suggerito di raccogliere testimonianze sull'angelo custode.

Non si tratta di un sondaggio, piuttosto un tentativo di risalire alle motivazioni che in questo conflittuale scorcio di millennio portano ad accogliere quel custode da millenni mediatore tra la nostra umana inadeguatezza e la suprema maestà di Dio.

I testi quì riportati sono pezzi di interviste pubblicate su giornali.

Irene Pivetti

Ogni giorno mi rivolgo all’angelo custode e parlo con lui. prego il mio angelo e saluto quello degli altri 630 deputati di Montecitorio.Se si litiga in Parlamento so che gli angeli custodi operano per il bene di tutti.

Mi affido a loro e resto tranquilla.Sono certa che ci pensano loro a placare gli animi.

Anche per questo riesco a presiedere certe infuocate assemblee.

Corriere della sera” 26 marzo 1995

Ersilio Tonini

E’ la massima valorizzazione dell’individuo. Dio non ha dato un protettore generico per tutta l’umanità ma un custode ad personam. Ci ha assegnati a un essere che è in grado di suggerirci le scelte migliori senza toglierci la libertà.

Ecco il significato di affidarsi a un custode: non sentirsi più soli. Perchè ogni uomo è importante,anche quando è circondato dal vuoto.

Anche quando ha l’impressione di non contare niente per nessuno: conta invece ( e moltissimo) per il suo angelo.

Donna moderna aprile 1995

Ultimi interventi

Vedi tutti