Questo sito contribuisce alla audience di

L'angelo Custode

Cosa siano gli Angeli e cosa facciano in realtà è da millenni argomento di studio e di discussione. Probabilmente proprio perché ritenuti universalmente una forma di "energia" posta al servizio dell’uomo, in ogni nostra casa non manca almeno un esemplare raffigurante l’Angelo a noi più caro.

Ogni persona ha delle sensazioni e delle opinioni diverse rispetto agli angeli ed alla loro essenza, ognuno potrebbe dare di loro una descrizione unica…

Trilussa ce ne fornisce una quanto mai pittoresca e soggettiva

L’angelo Custode

L’ omo cia’ sempre un Angelo Custode

che l’accompagna come un cagnolino:

e ’st’angeletto che je sta vicino

l’assiste quanno soffre e quanno gode,

je custodisce l’anima e nun bada

che a incamminallo su la bona strada.

Io, quello mio, me lo figuro spesso,

anzi me pare quasi de vedello:

dev’esse un angeletto attempatello

così scocciato de venimme appresso

che ogni vorta che faccio una pazzia

invece d’ajutamme scappa via.

Defatti dove stava quela sera

ch’agnedi da Giggetta e la cosai?

Doveva dimme: - Abbada a quer che fai!… -

Ma certamente l’Angelo nun c’era,

o, forse, avrà pensato, ner vedella:

- Pur io farei lo stesso: è troppo bella! -

Nun me doveva di’ ch’ero uno scerno

quanno, p’er gusto de sposà la fija,

me misi a casa tutta la famija?…

(Se ce ripenso adesso ancora tremo!

Sette persone, un cane e una gallina

che m’impiastrava tutta la cucina!)

Nun me doveva da’ de l’imbecille

quer giorno che firmai le cambialette

a Isacco lo strozzino che me dette

seicento lire e ne rivolle mille?

Quante ce n’ho sofferte! E chi sa quante

n’avrà passate er povero avallante!

Ecco perché ce vado pe’ le piste,

ecco perché me sbajo in bona fede:

la corpa è tutta sua, ché nun me vede:

la corpa è tutta sua, ché nun m’assiste:

la corpa è sua, ché nun me fa er controllo

quanno s’ accorge che me rompo er collo.

A cose fatte, poi, me torna accanto,

me chiama, me mortifica, me strilla…

- Tu - dice - nun ciai l’anima tranquilla…

- Purtroppo! - dico - e me dispiace tanto!

Ma nun ce casco più, te l’assicuro…

- Davero? Me lo giuri? - Te lo gìuro… -

E ognuno dice le raggione sue

quasi pe’ libberasse dar rimorso:

ma però se capisce dar discorso

che se pijamo in giro tutt’e due:

ché appena me ricapita una quaja

io ce ricasco e l’Angelo se squaja.

Ultimi interventi

Vedi tutti