Questo sito contribuisce alla audience di

Salvataggio Angelico

Pubblico un 'altra testimonianza ricevuta da Lucia.

angelIo credo fortemente in qualcosa di grande e di bello che vive con noi e accanto a noi.

A dire il vero questa mia consapevolezza l’ho raggiunta pochi mesi fa’.
Premetto che ho tre figli e grazie a loro ho scoperto parti di me che io ignoravo di avere.
L’anno scorso in Maggio il mio secondogenito di soli trentaquattro mesi è caduto accidentalmente dal balcone di casa nostra.

Ha fatto un “salto” di circa sei metri, è”atterrato”sul cemento e non si è fatto niente.
Al solo pensiero mi torna tutta la paura e l’angoscia di quei giorni.
La sirena dell’ambulanza,e il mio bimbo sul lettino del pronto soccorso
con la faccia impaurita e confusa, e tutti i medici a fargli esami radiografici e tutti i controlli che ritenevano necessari.

Tutto risultò negativo, il bambino non si era fatto niente,era tutto a posto,
a parte un particolare, la paura e la preoccupazione di quel giorno,
a parole non saprei come descrivere il tumulto di sentimenti che avevo dentro.

Ero fuori nel corridoio e mio marito era con mio figlio nella sala raggi
per uno dei tanti accertamenti. Ho cominciato a pregare la Madonna.
Chiudendo gli occhi avevo davanti a me la sua immagine,
era la Madonna di Bellacava a me cara perché protettrice del paese di mio padre,
oltre alle preghiere so di averle detto:

”Io altri figli non li dovrei avere,ma se avrò una bambina la chiamerò Maria”.
Dopo quattro giorni mio figlio è stato dimesso dall’ospedale, siamo tornati a casa e siamo tornati piano piano, alla vita di tutti i giorni.

Dopo due mesi ho cominciato ad avere dei disturbi di origine ginecologica, ho dato la colpa allo spavento per la caduta di mio figlio, ma dopo qualche giorno sono dovuta andare dal mio medico per accertamenti.
Fra le altre cose mi consigliava un test di gravidanza per escludere ogni dubbio
e poter procedere poi con le cure del caso.

Il test risultò positivo,e lo stupore mio e di mio marito era grande. Nessuno dei due se lo sarebbe aspettato, e la nostra spiegazione fu subito lo spavento per la caduta di Marco
(questo è il nome del mio secondogenito).

La gravidanza procede discretamente e come tutte le mamme
comincio a guardare gli articoli per i neonati ogni volta che entro al supermercato o passo davanti alle vetrine. Ogni volta che penso alla creatura che cresce in me però, ripenso anche alle preghiere dette in ospedale e alla promessa fatta di chiamarla Maria se sarà una bambina.
Alla fine del quarto mese la mia creatura si muoveva dentro di me ed era una sensazione bellissima,anche se era la terza gravidanza la magia di quei momenti era sempre tanta.
Un pomeriggio facendo la spesa sono passata nel reparto neonati
e ho chiesto alla mia cretura :

”Fammi capire se sei maschio o femmina.”

Ho preso in mano una tutina azzurra e non ho sentito niente,
poi ho preso in mano una tutina rosa e lei ha cominciato a calciare.
Era una bambina, mi sono sentita il cuore gonfio di gioia.
Un’altra cosa che ha caratterizzato questa gravidanza sono stati i sogni.
Ho ricominciato ad avere contatti nel sogno con tanti miei cari defunti ed in particolare con la mia nonna materna,che mi ha “salutato” nel lontano ’74.
Mi è venuta a trovare spesso, soprattutto nei miei momenti di dubbi e di paure,
lei puntualmente veniva la notte e mi consolava, come quando ero piccola.
Mia nonna si chiamava Caterina e con l’avvicinarsi della data del parto ho pensato di aggiungere il suo nome e chiamare così la mia bambina Maria Caterina.

Il cinque Marzo di quest’anno è nata Maria Caterina.
E’ andato tutto bene e la bambina è nata sana.
Le coincidenze e le fatalità in questo mio “pezzo di vita” sono molte di più; queste sono quelle più grandi.

Ma quello che io vorrei poter dire al mondo intero
è di non lasciarsi scivolare nel buio.Intorno a noi abbiamo un mondo di luce,solo che nessuno ci ha insegnato a guardarlo e a noi fa paura.

Anch’io ho sempre avuto paura del dolore e ho paura anche adesso di non essere pronta a superare un’altra esperienza così forte, però questa esperienza mi ha portato tanto amore,
ho trovato Luce intorno a me e Amore.

Io so di non essere sola,so di avere accanto a me gli Angeli,
però quando lascio che sia il cervello a guidare il mio corpo la Luce intorno a me perde splendore,si affievolisce, quando è il mio cuore a guidarmi la Luce mi avvolge
ed io so di non essere più sola.

Vorrei che tutti imparassero ad aprire il cuore e lasciassero la Luce entrare nel vero Io,
dentro ad ognuno di noi esistono sentimenti e verità.

Lucia70

Ultimi interventi

Vedi tutti