Questo sito contribuisce alla audience di

Salvataggio Angelico

A narrare questa vicenda è una donna di nome Euphie Eallonardo: "Fu sconsiderato da parte mia voler fare una passeggiata prima dell'alba nel labirinto di viuzze alle spalle del terminal degli autobus, in una città peri­colosa come Los Angeles.

angeli Ma ero giovane ed arrivavo per la prima volta nella metropoli. Il colloquio che dovevo sostenere per ottenere un posto di lavoro era fissato per cinque ore più tardi e non seppi trattenermi dall’esplo­rare i dintorni. A un tratto mi resi conto di essermi perduta per i vicoli e, voltandomi, vidi tre uomini che mi seguivano cercando di non farsi notare. Tremando di paura, feci quello che faccio sempre quando mi trovo in diffi­coltà: piegai la testa e chiesi a Dio di salvarmi. Risollevando lo sguardo vidi un quarto uomo che si avvicinava dall’oscurità e pensai di essere per­duta. Sebbene fosse molto buio, potei distinguere bene le fattezze del gio­vane: indossava una camicia bianca e un paio di jeans. Aveva in mano un cestino per le provviste ed era pressappoco sulla trentina, senz’altro più alto di un metro e 80. Aveva un’espressione severa sul volto, ma era bellis­simo; non ci sono altre parole per definirlo. Istintivamente, corsi verso di lui.

“Mi sono persa e degli uomini mi stanno seguendo” gli dissi disperata “Volevo fare una passeggiata fuori dalla stazione… Ho paura…” “Vieni” disse “Ti porto al sicuro!”

“Io… non so cosa mi sarebbe successo se lei non fosse venuto…” “Lo so io…” rispose, con voce profonda e sicura.

“Ho pregato che qualcuno mi venisse in aiuto appena prima di vederla”. L’ombra di un sorriso gli apparve negli occhi e sulla bocca. Eravamo ormai vicini alla stazione. “Sei al sicuro, adesso” mi tranquillizzò, prima di lasciarmi.

“Non so come ringraziarla” dissi io con un certo fervore. Annuì soltanto con la testa: “Arrivederci Euphie”. Mentre mi incamminavo verso l’atrio mi fermai di scatto. Euphie! Ave­va veramente usato il mio nome? Mi voltai di scatto e corsi fuori per chie­dergli come faceva a saperlo. Troppo tardi. Era già svanito”.

Ultimi interventi

Vedi tutti