Questo sito contribuisce alla audience di

Canzoni senza vanità (di vanità)...

Sono sempre più i centri giovanili che inseriscono nel loro repertorio le canzoni di Angelo.

Se provate ad andare in questa pagina: http://utenti.lycos.it/corovocislaetitia/audiomp3.htm , troverete una serie di interpretazioni anche di canzoni di Angelo Branduardi (solo un assaggio per ogni canzone) fatta dal Coro e Complesso Musicale “Vocis Laetitia”, portato avanti da Don Marco Rapelli, Direttore Spirituale e Vicerettore del Collegio Rotondi di Gorla minore (VA).
Fa un po’ tenerezza ascoltare queste versioni e possono incutere qualche sorriso perchè sono versioni che potremmo definire “Naif” ma… dite quello che volete, in queste interpretazioni personalmente ci trovo tanto entusiasmo e tanta passione, insomma: il “gusto delle cose autentiche”, giusto per usare una frase inflazionata e che suona tremendamente banale se non irritante.
So che a Branduardi fa piacere se dei ragazzi utilizzano le sue canzoni, magari si chiudono in una sala parrocchiale per provare, rinunciando a posti più alla moda o a divertimenti decisamente più trasgressivi. Credo faccia piacere ad ogni Artista sensibile, perchè se è vero come è vero che la canzone è di chi la fa, è altrettanto una verità sacrosanta che una canzone diventa patrimonio di tutti.
Da laico mi dico e vi dico: benvengano queste iniziative, tante parrocchie di provincia, anonime, spesso chiuse nel loro microcosmo,. in fondo offrono momenti di aggregazione e di divertimento che saranno anche patetici agli occhi degli yuppy del terzo millennio, ma è un divertimento pulito, dove ci si parla e non si comunica tramite un display colorato di un videotelefonino.
Di questi tempi non è roba da poco.

Genius Stat