Questo sito contribuisce alla audience di

GAIA: "La terra non è un dono dei nostri avi..."

Nel 2003 Angelo viene chiamato a partecipare ad un progetto ambizioso, ideato e realizzato dal musicista e produttore francese Alan Simon. Questo progetto si chiama GAIA, un album intenso, in cui partecipano, oltre Angelo, anche Zucchero, Andreas Vollenweider, Anggun e tanti altri.

“La terra non è un dono dei nostri avi, è un prestito per i nostri figli”.

GAIA è un progetto speciale a cui penso da parecchio tempo e che mi ha occupato gli ultimi tre anni della mia vita. Stiamo vivendo un periodo molto particolare per la nostra terra, oltre il dramma di questi giorni dell’Iraq. Stiamo distruggendo il pianeta e quindi sentivo la necessità di fare qualcosa. La musica è cibo per lo spirito, non può forse cambiare il mondo, ma sicuramente può essere utilizzata per comunicare messaggi molto forti. Ho venduto tutti i diritti editoriali delle mie composizioni e con i soldi ricavati posso lavorare in massima autonomia, scegliendo anche i distributori in ogni paese in cui il progetto verrà pubblicato. Ognuno di noi ha una responsabilità in quello che sta succedendo, ma ognuno può anche contribuire a suo modo per cercare di risolvere la situazione. Non mi ritengo un eroe, ma semplicemente un uomo che crede nella sua vita. Il mondo dello spettacolo e le sue regole sono arroganti, al contrario, molti artisti sono assai generosi. Ho scoperto, parlando direttamente con loro, che la drammaticità della situazione dell’ambiente è una sensazione condivisa da tanti. Non è una compilation, non ha nessuno scopo di lucro o economico ma è un piccolo contributo per l’aiuto dell’umanità”

Alan Simon

“Bird Island”
Voce:Angelo Branduardi - Arpa: Andreas Vollenweider
Video realizzato da Michelangelo Gargiulo da foto e videoclip tratte dal web.

Genius Stat