Questo sito contribuisce alla audience di

La tigre di Sumatra sull'orlo dell'estinzione

Un nuovo rapporto del Traffic denuncia: ne restano non più di 500 esemplari, minacciati da bracconaggio e distruzione dell’habitat. Nel secolo scorso si sono già estinte la tigre di Bali e quella di Giava

Se il commercio di parti e derivati di tigre e la distruzione dell’habitat non si fermeranno al più presto, l’Indonesia perderà le ultime tigri che ancora vi abitano, quelle di Sumatra. Lo denuncia l’ultimo rapporto del TRAFFIC-WWF sul commercio di tigri di Sumatra: almeno 50 esemplari sono stati uccisi ogni anno illegalmente, tra il 1998 e il 2002. Le ultime stime parlano di 400-500 animali rimasti in tutta Sumatra. Il rapporto denuncia le continue uccisioni di una specie in pericolo critico da parte di bracconieri. La spinta viene dal mercato interno indonesiano che richiede pelli di tigre e altri derivati, come artigli e denti che diventano trofei e souvenir. Oggetti di tigre si trovano facilmente dai commercianti di Sumatra, spesso in bella mostra.
I ricercatori del TRAFFIC hanno trovato prodotti di tigre in 17 città su 24 e nel 20% di 453 negozi visitati. Vi è anche una componente di commercio internazionale illegale verso altre parti dell’Asia. “Per la salvezza della tigre di Sumatra è fondamentale aumentare e migliorare il livello di controllo”, ha dichiarato Steven Broad, Direttore Esecutivo del TRAFFIC. “Il primo passo potrebbe essere un’azione nei confronti del mercato a livello di punti di smistamento e dettaglianti citati nel rapporto, soprattutto nel nord di Sumatra. Occorre anche creare delle unità anti-bracconaggio specializzate”.

La perdita di habitat è un’altra grande minaccia per la tigre di Sumatra. Il WWF chiede di fermare la distruzione della foresta di bassa quota, importante ambiente della tigre, che viene perpetrata da due delle più grandi compagnie mondiali che producono carta, APP e APRIL. La distruzione della foresta ha spinto le tigri nei villaggi, dove entrano in conflitto con gli uomini e vengono spesso catturate e uccise. “Le tigri di tutto il mondo sono minacciate dal bracconaggio, la perdita di habitat e i conflitti con le popolazioni locali. Ora, la tigre di Sumatra è prossima all’estinzione”, dice Susan Lieberman, Direttore del Programma Internazionale sulle Specie del WWF: “Ne rimangono così poche che è in dubbio se la popolazione possa ancora essere considerata vitale. Il bracconaggio sta mettendo in crisi intere popolazioni e il futuro stesso della tigre a Sumatra - una perdita tragica per il popolo indonesiano e per il mondo intero”.
La questione della salvezza delle ultime popolazioni di tigre deve essere affrontata nella sua complessità” sottolinea Massimiliano Rocco, Responsabile Programma TRAFFIC e Specie del WWF Italia “ come TRAFFIC chiediamo che il Comitato Permanente CITES affronti con decisione il problema: deve essere formalmente preso un impegno a livello internazionale per contrastare con decisione il bracconaggio, aumentando gli sforzi nazionali ed internazionali per le attività di polizia e le investigazioni che fermino il commercio di pelli e delle parti di tigre ancora oggi molto utilizzate nella medicina tradizionale cinese, in quei paesi come in Europa”.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti