Questo sito contribuisce alla audience di

Naruto su Mediaset, ma quando?

Ormai da tempo la Mediaset si è assicurata i diritti TV su questa serie, ma quando la vedremo?

A cura della CF Team

Articolo di: AtaruCF

 

Sarà passato più di un anno ormai da quando la Mediaset ha acquisito i diritti per poter trasmettere sulle proprie emittenti la serie di Naruto ma ancora non si è visto niente. La Mediaset fiutò subito l’affare, sapendo che Naruto è una delle serie più famose al mondo nonostante sia solo trasmessa in Giappone, e la Mediaset ha visto così in Naruto l’erede di Dragon Ball. In effetti lo scalpore che ha causato questa serie nel mondo è molto simile a quello che causò la famosa serie di Toriyama ai suoi tempi, e secondo me può aspirare addirittura ad ottenere un successo maggiore. Così la Mediaset approfittando del fatto che MTV aveva da poco acquistato Inuyasha e non poteva permettersi di comprare un’altra serie così voluminosa e costosa (pare che Naruto sia stata una delle serie più costose della storia), prese la palla al balzo e si assicurò la serie insieme alla Panini che poi ha iniziato ad occuparsi dell’adattamento e del doppiaggio.

E allora perché nonostante la Mediaset abbia in mano una gallina dalle uova d’oro non la sfrutta ancora? Le motivazioni sono essenzialmente due. La prima riguarda il merchandising che accompagnerà la serie, che deve essere preparato tutto in grosse quantità prima che la serie vada in onda. La seconda è correlata alla prima, ossia il momento in cui mandare la serie: grossa fetta dei guadagni dal merchandising riguarda gli articoli di cancelleria (zaini, astucci, diari…) e per questo vorrebbero lanciare la serie in un periodo antecedente all’apertura di un nuovo anno scolastico, come in primavera o in estate, quindi non è escluso che entro giugno potrebbe già partire, prendendo il posto di una delle repliche che ora manda in onda Italia1. Se non sarà trasmessa entro allora sarà difficile che sia trasmessa a Settembre, molto più probabile in quel caso che la data di uscita sia posticipata ancora di più per la primavera o l’estate prossima. Noi dal canto nostro non possiamo far altro che aspettare.

Argomenti