Questo sito contribuisce alla audience di

Due come noi

Botte e risate con la peggior feccia che popola i licei del Giappone.

A cura della CF Team

Articolo di: AtaruCF

 

Titolo originale: Kyo kara ore wa…!

Data di uscita: 1992

Numero di episodi: 10

Genere: Comico-demenziale

 

Due come noi è una serie di 10 OAV prodotti dallo Studio Pierrot, uno tra gli studi di lavorazione più apprezzati in Giappone, da dove infatti sono usciti opere d’arte del calibro di Urusei Yatsura e Kimagure Orange Road. L’autore dell’opera è Hiroyuki Nishimori, un autore non molto famoso in Italia, infatti basti pensare che la sua migliore opera, Spin Out, non è mai stata pubblicata nel nostro Paese. Ciononostante la Yamato Video ha reso possibile anche a noi italiani di poter apprezzare quest’opera, distribuendocela in videocassette dal 1995. Se vi sono piaciuti anime come Slam Dunk allora vi consiglio di dare un’occhiata anche a questo prodotto. Ho preso Slam Dunk come esempio non perché sia un anime sportivo (infatti in “Due come noi” non c’è affatto lo sport, tranne in una puntata dove fanno un torneo di karate), ma per la demenzialità e per la marea di teppisti senza cervello che popolavano quell’anime, che in “Due come noi” sono un vero e proprio marchio di fabbrica.

 

La storia

La storia comincia con il protagonista, Takashi Mitsuhashi, che si è appena trasferito in una nuova città e ha intenzione di cominciare una vera e propria nuova vita. Decide allora di farsi tingere i capelli di biondo (in Giappone i capelli biondi sono sempre associati ai poco di buono, visto che non esistono giapponesi biondo naturale) per potersi far subito notare nella sua nuova scuola. Davanti al barbiere però incontra un altro ragazzo che ha avuto la sua stessa pensata (solo che lui i capelli non se li tinge, ma se li fa pettinare stile porcospino), Shinji Ito. Guarda caso i due finiscono anche nella stessa classe e all’inizio non vanno molto d’accordo, ma dovranno vedersela presto con i teppisti più anziani del liceo che tenteranno inutilmente di far abbassare loro la cresta. Da allora i due diventeranno amici, se così si possono definire vista l’estrema bastardaggine di Mitsuhashi, e dovranno vedersela praticamente in ogni puntata con teppisti e mafiosi sempre diversi e tanto cattivi quanto idioti. Tutta la trama è sempre contornata da divertentissime gag, che soprattutto nelle ultime puntate si scatenano letteralmente togliendo spazio alle risse e lasciandolo invece alla vera demenzialità.

 

Pagina successiva

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • Pupugnao

    30 Dec 2010 - 03:37 - #1
    0 punti
    Up Down

    è bellissimo lo stanno facendo la mattina in tv