Questo sito contribuisce alla audience di

Feste d'inverno: la festa di S. Andrea

Nella tradizione romena quella di S. Andrea è una tipica festa invernale, che segna anche l’inizio del periodo natalizio. Questa festa è molto importante dal punto di vista religioso, ma presenta al[...]

fiocco di neve

Nella tradizione romena quella di S. Andrea è una tipica festa invernale, che segna anche l’inizio del periodo natalizio. Questa festa è molto importante dal punto di vista religioso, ma presenta al suo interno anche degli elementi che si possono ricondurre al paganesimo. S. Andrea è ritenuto il custode delle chiavi del modo dell’inferno e di quello del paradiso. La festa del Santo cade il primo di Dicembre e la notte che precede la festività si colora di valenze particolari.

Si crede infatti che nel corso di questa notte vengano aperte le porte dell’inferno e del paradiso e gli spiriti siano liberi di percorrere il mondo dei vivi. E’ dunque importante che questi ultimi nella notte tra il 30 Novembre e il primo Dicembre prestino attenzione ad evitare di essere danneggiati dalle loro influenze negative.

A questo scopo si portano avanti veglie segnate da canti, racconti e riti scaramantici e si appendono alle finestre delle corone realizzate con l’aglio, per difendersi soprattutto dai vampiri. Ma questa notte è ricca anche di possibilità importanti. Per esempio si crede che i sogni che si fanno in questa notte abbiano un valore profetico e le giovani possono conoscere l’identità del loro futuro marito.

Le categorie della guida