Questo sito contribuisce alla audience di

Il Beltaine e i matrimoni dei Celti

Una tipica festa celtica era quella che corrisponde al nostro Calendimaggio e che è conosciuta con il nome di Beltaine. L’evento era dedicato in maniera principale a Belenos, dio della fertilità.[...]

alberi fioriti

Una tipica festa celtica era quella che corrisponde al nostro Calendimaggio e che è conosciuta con il nome di Beltaine. L’evento era dedicato in maniera principale a Belenos, dio della fertilità. Il tema della festa era proprio quello della fecondità che in modo evidente veniva messa in correlazione con la natura rinata dopo l’apparente morte della stagione invernale. Le manifestazioni della festa erano in sintonia con le concezioni che ne stavano alla base. Le donne erano solite saltare sul fuoco, perchè era ritenuto un modo per propiziare la gravidanza. Sempre connessa al concetto di fertilità era l’usanza ricorrente in occasione del Beltaine di celebrare dei matrimoni temporanei, che di solito duravano un anno e che potevano essere rinnovati se se ne presentava l’occasione.

Questa era un’usanza caratteristica anche di altri popoli guerrieri dell’antichità. Ma la festa di Beltaine non era l’unica occasione in cui mettere in atto i matrimoni. Presso i Celti infatti questi ultimi infatti erano oggetto di accordo anche nel mese di Agosto, in occasione del Lùgnasad. Si trattava in questo caso del dio del sole nel suo percorso notturno. Il dio era considerato anche protettore dei commerci e accompagnatore delle anime dei defunti nel regno dei morti. L’evento costituiva anche l’occasione per fare in modo che gli amici si incontrassero e per organizzare mercati e fiere nei vari villaggi.


Le categorie della guida