Questo sito contribuisce alla audience di

Il diluvio universale e la fine del mondo

Il mito o la credenza in un diluvio universale che avrebbe rinnovato l’umanità sono presenti nel sistema culturale di diverse civiltà. Quelli che saltano di più all’attenzione sono da un[...]

diluvio universale

Il mito o la credenza in un diluvio universale che avrebbe rinnovato l’umanità sono presenti nel sistema culturale di diverse civiltà. Quelli che saltano di più all’attenzione sono da un lato la concezione cristiana radicata nelle Sacre Scritture sul diluvio che Dio ha mandato per punire gli uomini e per rinnovare il mondo e dall’altro il mito di Deucalione e Pirra che fa parte della mitologia greca. In entrambi i casi l’acqua assume un alto valore simbolico, inteso come elemento in grado di purificare e di ripulire. Con il loro essere portatrici di distruzione le acque sono capaci di sommergere e mettere in atto un processo di rigenerazione.

Quest’ultimo viene affidato in maniera particolare ad un uomo e ad una donna, che hanno il compito di generare un’umanità nuova e più rispettosa del divino. Due sistemi culturali differenti per un prodotto culturale molto simile. Quello del diluvio universale infatti può essere definito un vero e proprio archetipo universale, una costruzione culturale che accomuna gli uomini pur nelle loro differenze specifiche della cultura di cui essi sono portatori.

Segno inequivocabile che questo elemento connesso alla rinascita e alla rigenerazione del mondo sottende un valore estremamente pregnante, in quanto affonda le sue radici in processi mentali e timori che si sono manifestati fin dall’antichità la paura che tutto possa finire da un momento all’altro che ancora oggi si ritrova nelle attuali teorie sulla fine del mondo, alcune delle quali prospettano una rinascita dell’umanità in un’era di pace e di cambiamenti positivi.

Le categorie della guida