Questo sito contribuisce alla audience di

Le superstizioni intorno al numero 13

Come il numero diciassette anche il tredici è oggetto di varie superstizioni, le cui origini sono molto antiche. Basti pensare che lo stesso Codice di Hammurabi non presentava il numero 13 nell’ambito[...]

ultima cena

Come il numero diciassette anche il tredici è oggetto di varie superstizioni, le cui origini sono molto antiche. Basti pensare che lo stesso Codice di Hammurabi non presentava il numero 13 nell’ambito di un elenco che riportava le leggi in ordine numerico. Un riferimento al 13 c’è anche nella mitologia norrena. In questo sistema culturale Loki era il tredicesimo dio e presentava delle caratteristiche improntate al tradimento e alla malvagità. Gli uomini fin dai tempi più remoti hanno attribuito significati particolari ai numeri, considerandoli espressione di forze oscure che erano in grado di evocare.

Anche nel Cristianesimo ci sono molti riferimenti negativi al numero tredici. Per esempio il diavolo viene indicato come il tredicesimo angelo o si pensi all’Ultima cena, in cui Giuda il traditore fu la tredicesima persona a sedersi a tavola insieme a Gesù e agli apostoli. La spiegazione di questo valore negativo attribuito al 13 probabilmente è da rintracciare nella concezione secondo la quale il 13 non fa altro che seguire il 12 e turbarne il valore positivo.

Il 12 è infatti un numero oggetto di definizioni positive, in quanto è matematicamente divisibile in parti uguali secondo criteri diversi. Il 13 invece impedisce una suddivisione esatta. Tutto ha dunque un significato. Anche le cose più semplici sono rielaborate dalla mente e dalla cultura umana e vengono trasformate in elementi di estrema valenza.

Le categorie della guida