Questo sito contribuisce alla audience di

San Valentino e lo scambio degli anelli

Quale migliore regalo per San Valentino se non un anello scambiato fra due persone che si amano? Lo scambio dell’anello a sancire un patto d’amore ha origini molto antiche. Già nella Roma antica i[...]

scambio degli anelli

Quale migliore regalo per San Valentino se non un anello scambiato fra due persone che si amano? Lo scambio dell’anello a sancire un patto d’amore ha origini molto antiche. Già nella Roma antica i fidanzati si scambiavano gli anelli, che prima erano di ferro e poi d’oro. In questo caso l’azione indicava la promessa di matrimonio e l’accordo che due famiglie stipulavano anche in termini di vantaggi economici che ne potevano ricavare.

Un’usanza simile è riscontrabile anche presso i popoli barbari dell’Europa settentrionale. In questo caso la donna era solita utilizzare una ciocca di capelli per realizzare un nodo, che veniva portato al dito come un anello da parte dell’uomo che prometteva di unirsi a lei.

C’è anche una ragione precisa per la quale si è soliti portare l’anello di fidanzamento proprio sull’anulare sinistro. Si credeva infatti che da questo dito avesse origine la cosiddetta “vena amoris”, ossia la vena dell’amore, che era collegata in modo diretto al cuore. Credenza che in realtà non ha nessun fondamento, ma che comportò l’introduzione e l’affermazione di questo costume.


Le categorie della guida