Questo sito contribuisce alla audience di

La Quintana di Foligno: uno spazio collettivo

La Quintana di Foligno può essere vista a tutti gli effetti come un modo per rievocare un'occasione di ritrovo sociale del passato, che è frutto di un'espressione della collettività. La rievocazione del passato permette la ricerca delle origini culturali.

cavalieri antichi

A settembre a Foligno si svolge la giostra della Quintana. Si tratta di una manifestazione che è nata nel dopoguerra e che colpisce per le sue caratteristiche legate ad un contesto culturale particolare a livello di tradizione. L’evento infatti intende rievocare la Quintana che venne disputata in piazza Grande nel 1613 in occasione del Carnevale. Gli avvenimenti legati alla festa hanno inizio la sera della vigilia, quando si svolge un corteo storico che è costituito da diversi personaggi, ciascuno dei quali rappresenta i differenti rioni della città. I partecipanti alla festa sono soliti affollare le taverne fino a tarda notte.

Il giorno dopo viene messo in atto il torneo vero e proprio. Ogni cavaliere ha il compito di percorrere per tre volte un tracciato a forma di otto e deve riuscire ad infilare un’asta in tre anelli che si trovano appesi al braccio del dio Marte, raffigurato in un busto ligneo risalente al Seicento. Una tradizione molto interessante, che si inserisce all’interno di un contesto storico prettamente rinascimentale e barocco, con elementi che richiamano l’età antica e che permettono di compiere un vero e proprio viaggio nel tempo alla ricerca di origini culturali che non possono lasciare indifferenti.

La tradizione dei tornei a cavallo nel nostro Paese è ampiamente diffusa. In essa possiamo ritrovare le tracce di un passato che svela i divertimenti tipici di epoche lontane. Ma non si tratta di semplici passatempi. Infatti il tutto va inquadrato all’interno di occasioni di ritrovo sociale, che vale la pena riscoprire in termini di manifestazioni nelle quali si esprime lo spirito collettivo.


Le categorie della guida