Questo sito contribuisce alla audience di

La valutazione del corredo della sposa

In passato in Sicilia si usava procedere alla valutazione del corredo della sposa. A questo scopo veniva chiamata una donna esperta, che effettuava la stima della biancheria. Si trattava anche di un'occasione per fare doni agli sposi.

corredo sposa per il matrimonio

Un’usanza tipica della Sicilia, che veniva messa in atto soprattutto in passato, è quella che riguarda la stima del corredo della sposa. Il tutto avviene nella casa paterna, nella quale vengono invitate diverse persone, che hanno il compito di osservare il corredo e di valutarlo. I diversi elementi del corredo sono sistemati sul letto, sulla tavola o sulle sedie e classificati in base al genere di biancheria. Era tipica la tradizione di chiamare una donna che svolgeva la professione di sarta e quindi esperta in materia, in modo che ella potesse procedere ad una corretta valutazione della biancheria.

A questo proposito le tradizioni sono differenti a seconda del contesto culturale di riferimento. In alcuni casi infatti l’esperta era invitata a dichiarare pubblicamente il costo dei singoli capi del corredo. In altri luoghi invece la valutazione viene comunicata in maniera segreta ad un uomo che ha il compito di annotare tutti i prezzi e le stime effettuate.

Non dobbiamo dimenticare anche i vari usi tipici che sono collegati al momento della valutazione del corredo della sposa. Diffuso è per esempio l’uso di fare dei doni in questa occasione ai futuri sposi. La sposa riceve anelli, orecchini e fazzoletti di seta, lo sposo camicie e berretti. Una valutazione dei beni che porta lo sposo viene effettuata in relazione soprattutto ai soldi in contanti di cui egli dispone. Infatti i soldi che vengono messi a disposizione per la formazione del nucleo familiare vengono in genere disposti dai genitori dello sposo su un vassoio, in modo che tutti ne possano avere una visione chiara.


Le categorie della guida