Questo sito contribuisce alla audience di

Le superstizioni sulla filatura e sulla tessitura

Sono varie e interessanti le superstizioni legate al lavoro di filatura e tessitura soprattutto per ciò che riguarda il passato, quando divieti e prescrizioni volevano evitare il protrarsi a lungo del lavoro.

filatura

Sono diverse e interessanti le superstizioni legate al lavoro delle filatrici. Passiamone rassegna alcune, che erano oggetto di attenzione soprattutto in passato. Le filatrici non andavano a dormire il sabato sera, se prima non finivano di filare tutta la stoppa che era rimasta nella conocchia. Si credeva infatti che, se ne fosse rimasta una parte, vi si sarebbe andata ad appollaiare la morte.

Se cadeva il fuso a terra e si rompeva il filo, le donne erano solite pronunciare una formula volta ad allontanare malevoli influssi. Particolare attenzione veniva rivolta a cercare di evitare che l’ordito non venisse posato sul letto. In questo caso infatti il lavoro sarebbe stato notevolmente rallentato. Si credeva infatti che il filato si sarebbe “addormentato” sul letto e il lavoro non sarebbe mai arrivato a compimento.

Se alla tela che veniva tessuta al telaio si attaccava una penna, il lavoro di filatura e tessitura si sarebbe compiuto nel giro di un tempo breve. Le donne erano solite anche chiamare un sacerdote per benedire la tela iniziata, in modo che il lavoro giungesse presto alla fine.


Le categorie della guida