Questo sito contribuisce alla audience di

La lampada: credenze e istanze psicologiche irrazionali

Sono molte le credenze relative alla lampada, che presuppone divieti spiegabili sulla base di motivazioni psicologiche legate all'irrazionale, il quale è capace di agire come motivazione forte nel determinare l'agire umano.

lampada

La lampada può essere considerata a tutti gli effetti un simbolo di vita in quanto portatrice di luce, secondo una correlazione tra luce ed energia vitale, che trascende i singoli contesti culturali, per raggiungere una valenza quasi universale. Sono diverse le credenze relative alla lampada.

È usanza lasciare una lampada accesa vicino ad una persona morta, in modo che possa rischiarare il suo cammino nell’al di là. Una sorta di affermazione della vita sulla morte. Inoltre la lampada è capace di allontanare le forze del male. Ed è proprio per questo che si è solito poggiare una lampada vicino alla culla di un bambino che non ha ancora ricevuto il battesimo, in modo che il piccolo non diventi oggetto dell’assalto di spiriti cattivi.

Proprio per lo stesso scopo si suole mettere una lampada vicino ad una donna in gravidanza, in modo che possa dare protezione alla donna e al bambino. La superstizione vuole che sia assolutamente da evitare di mettere una lampada sotto il letto di una persona che sta dormendo.

Infatti questa azione potrebbe determinare la morte della persona stessa. In questo caso l’atto superstizioso trova una spiegazione nel fatto che in passato le lanterne ad olio posto sotto il letto potevano essere causa di incendi, che mettevano in pericolo la vita di colui che dormiva.

La semplice contingenza ha trasformato il tutto in una credenza superstiziosa, per rafforzare il divieto e rendere così possibile una prevenzione degli incendi nel tempo. Attraverso la credenza l’uomo cerca di mettere in atto comportamenti che possono badare alla sua sicurezza. Non bisogna infatti dimenticare che molte volte l’irrazionale è capace di agire come motivazione più forte nel determinare le istanze psicologiche proprie dell’agire umano rispetto a quanto possa esserlo il concreto e lo spiegabile.

Le categorie della guida