Questo sito contribuisce alla audience di

Il compito di matematica: svolgimento

Durante il compito è bene mantenere il sangue freddo per poter sfruttare al meglio tutti gli strumenti predisposti.

Se la situazione lo permette si può usare il “metodo della replay”. Questo permette di fare lo stesso compito quando questo viene organizzato in file verticali.

Infatti i due compagni vicini (uno accanto all’altro) dovrebbero svolgere compiti diversi, mentre finiscono per fare lo stesso.

Uno scrive i dati della fila A e l’altro i dati della fila B, salvo poi fare entrambi lo stesso compito, confrontandosi passo passo. Alla fine poi, uno dei due cancella (ecco il ruolo della mitica replay, la penna cancellabile) il “falso” dato della fila che gli sarebbe toccata (ma che in realtà non ha svolto, avendo svolto la stessa del compagno).

Nella confusione finale della consegna (ideale per concludere l’opera) si deve stare attenti a mettere il compito nel “mazzo” giusto.

Questo metodo è molto utile ed efficace, ma bisogna stare molto attenti, solo chi lo vuole attuare sa se la situazione glielo può permettere (vedi strategia generale).

I segni convenzionali vanno sempre bene per comunicare “sottobanco” tra compagni (alfabeto muto, segni convenzionali predefiniti…)

Altrimenti si può ricorrere a metodi meno organizzati come la “caduta della gomma” per raccogliere il foglietto buttato dal compagno oppure per scambiarsi due parole sottovoce.

Attenzione ad affidarsi troppo al passaggio completo del compito del compagno, alla fine ci sono molti imprevisti e la situazione è più critica.

Introduzione

Preparazione

Strategia Generale

Tattica