Questo sito contribuisce alla audience di

Il distacco del lavoratore.

Il distacco del lavoratore viene disciplinato dal decreto legislativo n. 276 del 2003. Il distacco avviene quando un datore di lavoro, per soddisfare un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più[...]


Il distacco del lavoratore viene disciplinato dal decreto legislativo n. 276 del 2003.

Il distacco avviene quando un datore di lavoro, per soddisfare un proprio interesse, pone temporaneamente uno o più lavoratori a disposizione di un altro soggetto per l’esecuzione di una determinata attività lavorativa.

Il datore di lavoro originario rimane obbligato a corrispondere il trattamento economico e normativo.

Se il distacco prevede un mutamento di mansioni, diventa necessario il consenso del lavoratore.

Se il distacco avviene a più di 50 chilometri, questo può essere realizzato solo per ragioni tecniche, produttive, organizzative e sostitutive.

Se non vengono rispettati i requisiti finora detti, si ha la trasformazione del contratto a tempo indeterminato.