Questo sito contribuisce alla audience di

La cleruchia: una differente forma di colonia

Per cleruchia si intende una colonia che si differenzia da quella classica in quanto manca di autonomia politica ed amministrativa, come accadeva per le colonie romane. Le cleruchie erano quindi dei[...]

Carta con Salamina
Per cleruchia si intende una colonia che si differenzia da quella classica in quanto manca di autonomia politica ed amministrativa, come accadeva per le colonie romane. Le cleruchie erano quindi dei territori che dipendono dalla madrepatria.
Il fenomeno della cleruchia era legato mondo greco, ma nello specifico fu molto legato al potere ateniese a partire dal V secolo a.c., che per una questione di interesse sceglieva di creare una cleruchia piuttosto che insediare una colonia: quest’ ultima, infatti, disponeva di autonomia, mentre nella maggior parte delle cleruchie mancavano le principali istituzioni politiche, quali ad esempio le assemblee ed il consiglio.

Quando veniva dedotta una cleruchia, i tributi che i residenti di quel luogo erano tenuti a versare erano dimezzati. Ciò si deduce dalle liste dei tributi, prodotte dalla stessa madrepatria, Atene.
Generalmente una cleruchia veniva insediata laddove gli abitanti di uno stato o di una regione si dimostravano ribelli nei confronti di Atene.

Peculiarità di questa particolare forma di colonia era il trasferimento di abitanti ateniesi nel luogo in cui si decideva di dedurre una cleruchia e l’ assegnazione di lotti di terreno, che poi essi erano tenuti a coltivare.
Le terre loro assegnate non potevano essere affittate a terzi: essi erano dunque tenuti a risiedere lì.

Le fonti antiche spesso tacquero riguardo a questa forma di insediamento, che era prettamente militare.
La testimonianza più dettagliata sulla definizione di cleruchia venne riferita dallo storico ateniese Tucidide, il quale racconta di un episodio in cui i cleruchi, gli abitanti della cleruchia, non risiedevano nel posto e non coltivavano le terre loro assegnate.

Tra le cleruchie più antiche va ricordata certamente Salamina, un’ isola a Sud di Atene, a lungo contesa tra Megara e la stessa Atene: gli abitanti delle due città si scontrarono durante l’epoca di Solone, che governò dal 638 al 560 a.c., il quale incitò gli Ateniesi a conquistare l’ isola. La battaglia fu vinta proprio dagli Ateniesi.
Relativamente alla cleruchia di Salamina è stato rinvenuto un decreto, che ha lo scopo sia di definire lo status dei coloni già insediati sull’ isola precedentemente all’ arrivo degli Ateniesi, sia lo status dei nuovi cleruchi. Nel decreto è presente anche l’ obbligo da parte dei cleruchi di pagare le imposte alla madrepatria, di prestare servizio militare ad Atene, di essere disponibili in caso di guerra e di non abbandonare l’ isola né affittare le terre loro assegnate.
Nel decreto è citato anche un magistrato del luogo, l’ Arconte.
Decreto ateniese relativo a Salamina

Decreto ateniese relativo a Salamina Busto di Solone Elenco dei tributi