Questo sito contribuisce alla audience di

Il primo esempio di faro: il Faro di Alessandria

Tra le sette meraviglie del mondo rientra il celeberrimo faro di Alessandria, di fattura ellenistica, che si erge sull’isola di Pharos per un’ altezza di circa 134 metri e che era possibile[...]

Egypt map Tra le sette meraviglie del mondo rientra il celeberrimo faro di Alessandria, di fattura ellenistica, che si erge sull’isola di Pharos per un’ altezza di circa 134 metri e che era possibile vedere dal porto di Alessandria d’ Egitto.
Fu fatto costruire tra il 300 a. C. ed il 280 a. C. ad opera di un mercante greco, Sostrato di Cnido: la sua costruzione prese quindi avvio durante il regno di Tolomeo I Sotere, ma fu ultimato durante il regno di Tolomeo II Filadelfo.
Rimase in uso fino al XIV secolo: fu proprio in questo secolo che due devastanti terremoti, avvenuti rispettivamente nel 1303 e nel 1323, lo abbatterono.
Con i resti sue rovine e nei suoi pressi Quaitbay, un sultano egiziano, diede ordine di far costruire un forte.

Siccome la tanta sabbia presente sulla costa di Alessandria rendeva difficoltoso il traffico marittimo anche alla navi di piccolo cabotaggio, si decise di creare appunto un faro per facilitare la vista anche di notte e per permettere tutte le manovre per raggiungere il porto.
Durante il giorno degli appositi specchi di bronzo diffondevano la luce del sole fino ad una certa distanza dal litorale, durante la notte, invece, si accendevano dei fuochi.

Per quanto riguarda le dimensioni, attraverso la testimonianza di un importante storico come Giuseppe Flavio, sappiamo che il faro poggiava su di un alto supporto quadrangolare, all’ interno del quale dimoravano i responsabili della torre. Da questo basamento si diramavano anche le scale che permettevano di spostare il legno ed il combustibile per accendere i fuochi notturni.
Sul basamento poggiavano una torre ottagonale ed una costruzione cilindrica, che fungeva a sua volta da supporto per una statua di Zeus o Poseidone, successivamente rimpiazzata da una statua di Helios, dio del sole.

Il faro di Alessandria fu il primo ma non l’ unico esempio di questo genere di costruzioni, tanto che si disposero costruzioni di ulteriori fari anche in altri porti del Mar Mediterraneo.
Recentemente sono stati rinvenuti in mare dei resti pertinenti proprio al faro di Alessandria.

Moneta con raffigurazione del Faro di Alessandria

Moneta con raffigurazione del Faro di Alessandria Ricostruzione del Faro di Alessandria

Link correlati