Questo sito contribuisce alla audience di

L' antica Scolacium: insediamento greco e colonia romana

Scolacium venne scelta prima dai Greci e poi dai Romani quale sito ottimale per insediarvi una colonia.

Scolacium L’ antico insediamento di Skylletion, attualmente in provincia di Catanzaro, fu probabilmente fondato da coloni ateniesi oppure da abitanti di Crotone, allo scopo di creare un reparto militare per contrastare l’ espansionismo di Locri.
La città greca venne occupata fino a circa il II secolo a. C. e sulle rovine di essa i Romani insediarono una nuova colonia, che chiamarono Minervia Scolacium, in onore della dea Minerva.

La città calabrese fu poi progressivamente abbandonata, fino a quando l’ imperatore Nerva, che succedette l’ imperatore Domiziano, decise di ripopolarla, investendo denaro pubblico.
In suo onore la città fu rimedicata, prendendo il nome di Colonia Minervia Nervia Augusta Scolacium.

Da diversi anni si è provveduto a creare un parco archeologico, dando così la possibilità di visitare un così importante insediamento prima greco e poi romano, che divenne un vitale punto di contatto con l’ Africa e con tutto l’ oriente.

Come in ogni città di fondazione romana, Scolacium era dotata di un Foro, che disponeva degli edifici pubblici più importanti: erano, infatti, presenti la Curia, dove il senato svolgeva le proprie attività; il Capitolio, il più importante monumento della città; la Basilica, in cui avevano luogo riunioni a carattere amministrativo e giuridico.
Sono stati rinvenuti anche un Sacello ed un edificio dedicato al culto imperiale, il Caesareum.

È possibile anche ammirare uno splendido teatro, di cui restano sia l’ orchestra e la cavea.
Pertinenti sia all’ area del teatro che a quella del foro sono alcune statue, rinvenute durante le campagne di scavo.

All’ interno dell’ area del teatro sono state ritrovate parti di statue e frammenti di ritratti, tutti in marmo.
Per quanto riguarda, invece, il foro, in questa zona sono stati scoperti alcuni personaggi in toga, alcuni acefali e alcuni ancora provvisti delle teste.
Tra i ritratti più importanti quello di Germanico, appartenete alla famiglia giulio- claudia, e quello del Genio di Augusto, primo imperatore romano.

Scolacium, resti

Scolacium, resti Scolacium, epigrafe con nome della colonia romana Scolacium, il teatro

Link correlati