Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Dal Pantheon a San Pietro in Vaticano

    Gli eventi di questi giorni portano continuamente ai nostri occhi la sagoma inconfondibile della Basilica di San Pietro a Roma. La costruzione di questa architettura, così familiare, ma anche spesso sconosciuta nei suoi modelli di formazione e nelle sue fasi di trasformazione, è oggetto del mio intervento di oggi. Un omaggio alle “pietre” di Pietro. La cupola del Pantheon, Santa Sofia a Costantinopoli costituirono due dei più importanti schemi plano-volumetrici cui essi si ispirarono.La perfezione del cerchio, con forti valenze simboliche e significati estetici fu sublimata dagli architetti del Rinascimento che videro nella forma simmetrica della pianta centrale un modello di riferimento. La cupola del Pantheon, Santa Sofia a Costantinopoli costituirono due dei più importanti schemi plano-volumetrici cui essi si ispirarono.

  • Proporzione e simmetria nell'architettura greca

    Nella costruzione dei tempio c'è un'armonia nelle proporzioni secondo la quale ogni parte è strettamente relazionata all'altra e queste lo sono rispetto all'insieme; tutto è finalizzato quindi a creare un sistema "ordinato" . Secondo questa interpretazione di "ordine" i templi possono essere classificati in dorico, ionico, e corinzio. Quello dorico è il più antico e si caratterizza per solennità e forza: la verticalità della colonna si contrappone all'orizzontalità dello stìlobate senza elementi intermedi; l'entasi è più pronunciata che negli altri ordini; le scanalature hanno spigoli vivi; i capitelli sono formati da due semplici elementi: uno di forma quadrata, l'abaco, e l'altro di forma circolare, l'echino. L'elemento orizzontale, che completa questo sistema trilitico, è anche esso molto essenziale e si compone di un architrave liscio e di un fregio suddiviso in lastre quadrangolari lisce, metope, e in lastre aggettanti con tre scanalature, i triglifi.

  • Il Medioevo

    Caratteri storici generali

  • Il Medioevo V- X Secolo

    Alto Medioevo

  • Il Medioevo XI-XIV secolo

    Basso Medioevo

  • Il Medioevo -La società

    Cambiamenti nella società medioevale

  • Il Medioevo Urbanistica Medioevale

    Nascita e struttura della città medioevale

  • Il Medioevo Le strutture archivoltate

    Il gotico è oggi riconosciuto come una delle maggiori espressioni dell'arte europea. La massima espressione del gotico si ebbe nell'ambito dell'architettura religiosa. In evidente contrasto con gli stilemi del romanico, caratterizzato dall'uso dell'arco a tutto sesto. dalla prevalenza dei pieni sui vuoti con strutture robuste e piccole vetrate, il gotico si distingue per gli archi a sesto acuto, le guglie slanciate, le vetrate e la levità delle strutture. I nuovi motivi architettonici furono resi possibili dall'innovazione strutturale della volta a costoloni; la volta romanica, basata sull'arco a tutto sesto, si trasformò in volta 'ogivale, basata sull'arco a sesto acuto (di derivazione islamica).

  • Il gotico

    Dalle origini del gotico al gotico maturo

  • La diffusione dello stile gotico

    Il gotico in Europa.Il gotico francese, in tutte le sue fasi, segnò in modo determinante lo sviluppo dello stile in Germania Italia e Inghilterra, invece, risentirono in maniera limitata dell'influenza francese. In Italia, il gotico si manifestò nell'adozione di alcuni particolari (come gli archi acuti) allineano di un impianto misurato che continuò l'armonia romanica aprendosi a quella rinascimentale. Lo sviluppo orizzontale prevalse su quello verticale, furono mantenute le pareti e le vetrate rivestirono minore importanza rispetto agli affreschi. Lo stile, che assunse caratteristiche molto diverse con il variare delle zone da regione a regione, venne introdotto dai cistercensi: ne è chiaro esempio l'abbazia di Chiaravalle, vicino a Milano, nella quale elementi gotici convivono a fianco di forme e impianti romanici (sobrietà e pianta a croce latina). Secondo G. C. Argan la spazialità gotica, interpretata nel suo significato più profondo, si realizza direttamente in immagine, senza mettere in gioco alcuna meccanica di forze". Sono esempi di gotico italiano il pulpito del battistero e il camposanto di Pisa (iniziato nel 1278), la chiesa domenicana di Santa Maria Novella a Firenze (pianta a croce latina e volte ogivali), la basilica di Santa Croce (1294, archi ogivali e copertura a capriate, autore Accolto di Cambio) e la cattedrale di Firenze Santa Maria dei Fiore (autore A. di Cambio, ove transetto e presbiterio si fondono m un organismo ascoltato dal quale si irradiano cappelle radiali), le reminiscenze dello stile francese delle facciate delle cattedrali di Siena (iniziata nel 1229) e Orvieto (1290), e la chiesa di San Francesco a Bologna, la basilica di S.Antonio a Padova (con immagine spaziale ancora bizantina), il Battistero di Panna e la chiesa di S.Andrea a Vercellí dell'Antelami (G.C. Angeli: "il primo artista che passa dall'equilibrio romanico alla spinta gotica").