Questo sito contribuisce alla audience di

L'equilibrio

Corso di arrampicata 2004. Lezione 1: Lo studio dell'equilibrio

Le immagini sono tratte da “Progressione su Roccia” di Paolo Caruso. Una versione eletronica del testo è reperibile su www.guidealpine.lombardia.it Testi di Alberto Melari (ass. Towardsky www.towardsky.it)

In un corpo che si trova in equilibrio, la verticale del baricentro cade perfetta sulla base di appoggio.

Quando siamo in piedi con le gambe leggermente divaricate ed il peso distribuito in maniera uguale sui due piedi, la base di appoggio è data dallxarea compresa fra i due piedi (Fig. 1 e 2).

Fig. 1 ; Corpo in equilibrio, la verticale del baricentro cade sulla base di appoggio Il baricentro di un corpo è un punto nello spazio sul quale potremmo considerare concentrata tutta la massa del corpo, come se questo fosse puntiforme e tutto contenuto lì.

Il baricentro del corpo umano si trova allxaltezza della cintura, esattamente al centro dellxellisse della sezione del corpo (Fig. 1). Se la linea che parte dal baricentro e cade perpendicolare al terreno finisce sulla base di appoggio allora il corpo è in equilibrio, se cade fuori dalla base di appoggio allora il corpo non è in equilibrio, ma in caduta o in movimento.

Nell’arrampicata una corretta posizione è quella che crea una base di appoggio nella quale cade il baricentro (Fig. 3). Per questa ragione è fondamentale imparare a sentire il proprio baricentro e percepire i movimenti che compie durante lxascesa. Precetto fondamentale della tecnica del movimento è passare da una posizione di equilibrio allxaltra.

Fig. 2; Base di appoggio e punto in cui cade il baricentro.

Immaginiamo di dover rimanere fermi su una parete di roccia più o meno verticale utilizzando appigli (per le mani) ed appoggi (per i piedi).

La posizione più corretta ai fini dellxequilibrio è quella in cui il baricentro cade perfetto sulla base di appoggio. In questa posizione il peso del corpo viene sostenuto dai soli arti inferiori, generalmente più robusti ed datti allo scopo di quelli superiori (Fig. 3).

Se la parete è appoggiata e si sposta il baricentro troppo in avanti al di fuori della base di appoggio si avrà una condizione sfavorevole in cui sono impediti i movimenti e le componenti di forza del peso tendono a farci perdere attrito e di conseguenza equilibrio (Fig. 4).

Se invece, in una parete verticale il baricentro cade esternamente alla base di appoggio quasi tutto il peso andrà a gravare sulle braccia, con un conseguente spreco di energie e lximpossibilità di muovere le mani più in alto per la progressione (Fig. 5).


Fig. 3; Posizione corretta. Il corpo è in perfetto equilibrio.


Fig. 4; Posizione scorretta. Baricentro davanti alla base di appoggio.


Fig. 5; Posizione scorretta. Baricentro dietro alla base di appoggio.

Ultimi interventi

Vedi tutti