Questo sito contribuisce alla audience di

Un universo fatto di sedie

Come osare chiamarle semplicemente sedie?

Esili, sontuose, rigide, snodabili, colorate, monocromatiche le sedie sono e resteranno in eterno uno dei preferiti bersagli dei designers di tutto il mondo. Chiunque operi in questo campo si è misurato durante l’arco della sua vita nella progettazione di una di esse.

Ma volendo risalire fino alla ragione di tutto questo si vede come esse siano spesso state il fine primo dello studio sui materiali e sulle misure antropometriche, già infatti dalla prima metà del novecento la sedia è stata oggetto di sperimentazione che testimoniano o addirittura anticipano eventi e tendenze che sarebbero poi sfociati in altri campi, primo fra tutti quello architettonico.

Numerosi sono, quindi, gli sforzi che si celano dietro la progettazione di uno di questi piccoli gioielli, sforzi che diedero vita a capovalori come la serie di mobili tonet (seconda metà dell’ottocento), la chaise-longue regolabile di Le Corbusier, le sedie, sgabelli e quant’altro pensati in legno compensato firmati A. Aalto ecc…

Questi sono solo pochi esempi che ci fanno capire come questo piccolo/grande oggetto riusci ad affermarsi nell’universo del design.

Eventi

Fino al 9 aprile a Milano il salone inetrnazionale del mobile immancabile evento.

Ultimi interventi

Vedi tutti