Questo sito contribuisce alla audience di

Il digitale nella stampa fotografica

Sin dagli albori della fotografia digitale ci si è posti il problema della stampa e più precisamente della durata nel tempo delle immagini fotografiche stampate in digitale. Questo problema è sorto[...]

Stampa analogica su carta

Sin dagli albori della fotografia digitale ci si è posti il problema della stampa e più precisamente della durata nel tempo delle immagini fotografiche stampate in digitale.

Questo problema è sorto soprattutto nell’ambito commerciale e un po’ meno nell’ambito artistico poiché alla maggior parte degli artisti digitali è sempre premuto promuovere le proprie idee, magari soltanto online, e quindi non necessariamente stampavano le proprie opere.

E’ però indubbio che se agli inizi l’arte digitale, compresa la fotografia, non godeva di unanimi consensi, sia di critica che di pubblico, con il passare del tempo e con l’evoluzione tecnologica nell’ambito informatico essa ha meritato un podio d’onore nel variegato mondo dell’arte.

Oggi è normale pensare all’acquisto di immagini digitali artistiche ed è ovvio che i vari estimatori di questa attuale forma d’arte si aspettano qualche cosa di più di un semplice file digitale. Per tale motivo alcune case operanti nel settore delle carte fotografiche si sono cimentati nel realizzare dei prodotti pensati esclusivamente per la fotografia digitale.

Molti sono i service di stampa che sono in grado di risolvere il problema della stampa artistica o fine art. Sono a loro che si rivolgono gli artisti che non stampano in proprio i loro lavori. Ci sono però altrettanti artisti che le immagini fotografiche le stampano da sé usufruendo delle recenti stampanti a getto d’inchiostro utilizzando particolari inchiostri e carte dedicate.

Ad esempio il sottoscritto ha iniziato a stampare in digitale sin dalla fine degli anni Ottanta sperimentando le varie possibilità concesse all’epoca. Oggi, a distanza di oltre venti anni, posso reputarmi finalmente soddisfatto delle proprie stampe. Ho raggiunto, infatti, una eccellente qualità di stampa e anche una garanzia di durata nel tempo fornita e certificata dalla casa madre.

Il gap tecnologico che esisteva fino a poco tempo fa si è quasi del tutto dissolto e oggi possiamo tranquillamente seguire tutta la fase creativa delle nostre fotografie digitale dall’inizio alla fine.

Quindi in sintesi abbiamo due categorie di fotografi: quella che stampa de sé e quella che invece usufruisce di servizi esterni. Tra i motivi che spingono alcuni fotografi al scegliere il service è certamente quello del formato. Attualmente è possibile stampare in proprio in formato A2 (circa cm 40×60). Per formati superiori si è per forza costretti a stampare altrove.

Come esempio pratico ho scelto alcuni fotografi che utilizzano entrambi i metodi: Roberto Kusterle, Arnaldo Grudner e alcune mie stampe digitali su carta Matte opaca.

Nel prossimo post mi soffermerò sulla tipologia della varie carte e loro caratteristiche peculiari.

Fotografia, analogica e digitale

Fotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitaleFotografia, analogica e digitale