Questo sito contribuisce alla audience di

Opposti ritratti, Papadopoulou e Abriola

Oggi vorrei dedicarmi al ritratto probabilmente uno dei temi più “gettonati” nell’arte visiva ma se ben eseguito sempre di grande fascino. Chi non conosce la Gioconda di Leonardo o in [...]

Ritratti Papadopoulou,Abriola

Oggi vorrei dedicarmi al ritratto probabilmente uno dei temi più “gettonati” nell’arte visiva ma se ben eseguito sempre di grande fascino.

Chi non conosce la Gioconda di Leonardo o in tempi più a noi vicini il ritratto di Francis Bacon dedicato al papa InnocenteX?

Oggi con l’avvento della tecnologia informatica, messa al servizio dell’arte, si sono aggiunti ulteriori tasselli creativi che alcuni artisti hanno fatto propri.

Un valido esempio, per quanto mi riguarda, è certamente la serie dei ritratti, oserei descriverli come “gommosi” o “fluidi” del fotografo italiano Michele Abriola.

Essi sono ripresi con focale grandangolare e ritoccati in post produzione in digitale. Volti “deformati” ma che ispirano simpatia e positività d’animo.

Quelle stesse “deformazioni” che hanno sempre attanagliato le figure del dublinese visionario,Francis Bacon, le ritroviamo invece nei ritratti di una artista ellenica che sa esprimere con forza i vari stati d’animo presenti nei suoi personaggi. Despina Papadopoulou, infatti, ci descrive una realtà ben diversa, più cruda e reale che certamente non può lasciare indifferente chi guarda i suoi ritratti.

Un fotografo digitale e una pittrice entrambi con la passione del ritratto. Due modi di vedere opposti come opposti lo sono i loro ritratti ma in ambedue i casi densi di atmosfera e “phatos”.

Confronto due ritratti

Ritratti a confronto
Confronto due ritrattiConfronto due ritrattiConfronto due ritrattiConfronto due ritratti