Questo sito contribuisce alla audience di

L'evoluzione darwiniana e l'arte digitale

Si è inaugurata a Gorizia, nella prestigiosa sede di Palazzo Attems Petzenstein, la mostra “L’albero della vita” dedicata a Charles Darwin. Dopo il saluto del Presidente della[...]

Inaugurazione mostra L'albero della vita

Si è inaugurata a Gorizia, nella prestigiosa sede di Palazzo Attems Petzenstein, la mostra “L’albero della vita” dedicata a Charles Darwin.

Dopo il saluto del Presidente della Provincia Enrico Gherghetta la moderatrice Roberta Demartin, Assessore alla Cultura della Provincia di Gorizia, ha spiegato le motivazioni della realizzazione di questa mostra.

Il curatore della mostra Telmo Pievani e Vittorio Bo , Presidente di Codice Idee per la cultura, hanno invece introdotto il precorso espositivo ossia “L’evoluzione attraverso gli occhi di Charles Darwin” . Tra coloro che hanno sostenuto e reso possibile questa mostra anche la Sovrintendente dei Musei Provinciali di Gorizia, Raffaella Sgubin.

La rivoluzione in campo scientifico e il contributo dato all’umanità da Darwin è cosa certa. Meno noto è forse il fatto che quando Darwin espose per la prima volta il suo pensiero agli illustri colleghi, questi o non lo considerarono oppure lo boicottarono.

Oggi tutti sanno della validità di tale pensiero. Nella storia molte sono le analogie che hanno come protagonista una idea innovativa che però non sempre viene accolta positivamente anzi spesso viene derisa o peggio accusata di stregoneria si pensi al povero Gallieo.

Questo fatto accomuna sia il mondo della scienza, della matematica e dell’arte. E’ noto, infatti, che all’inizio anche Albert Einstein non godeva di grande stima essendo molto scarso a scuola ma tutti sappiamo che ha rivoluzionato il mondo della fisica.

Se ci soffermiamo, quindi, per un istante sul precorso evolutivo, tanto per stare in tema con Darwin, noteremo che anche l’arte ha avuto i suoi “martiri incompresi” uno dei più famosi è certamente Vincent Van Gogh. La sua storia è nota come nota è la vita tormentata, artisticamente parlando, di Amedeo Modigliani.

Anche le nuove forme espressive non hanno avuto, all’inizio, vita facile ed è un dato di fatto che la fotografia artistica ha faticato non molto per essere riconosciuta per quello che è: arte.

In tempi più recenti lo stesso “percorso evolutivo” lo sta facendo anche il digitale. I primi tentativi in tal senso sono stati fatti già negli anni Cinquanta. Progressi più concreti si sono avuti nei mitici anni Sessanta ma è solo negli ultimi anni che l’arte digitale, grazie alla esponenziale crescita della tecnologia dedicata, è riuscita ad imporsi al grande pubblico e a farsi conoscere dagli esperti del settore artistico.

Anche l’evoluzione dell’arte, quindi, è stata raggiunta grazie alle intuizioni e alla perseveranza di pochi che però da sempre fanno la storia. Nel mondo pittorico uno dei sismi più noti e indubbiamente il “Cubismo” o quello a noi più vicino il “Futurismo“; nella fotografia abbiamo Man Ray cone le sue “Rayografie” o l’italiano Nino Migliori con le “cliché-verres“. Nel digitale mi piace ricordare Mauro Mauri, scomparso nel 2001, artista goriziano e uno dei pionieri della computer art del Friuli Venezia Giulia.

Anche la fotografia tradizionale ha avuto coloro che a un certo punto hanno attraversato la famosa “linea di non ritorno” e si sono dedicati alla fotografia digitale. Rimanendo nell’ambito nazionale, e considerando la nascita della fotografia digitale con l’evento dei Personal Computer e relativi programmi di foto ritocco, alcuni nomi noti sono certamente: Francesco D’Isa, Paul David Redfern, Matteo Bosi. A questi si aggiungono molti altri che nell’arco dell’ultimo decennio si sono avvicinati con successo all’arte digitale.

Concludendo questo “escursus”, sul tema dell’evoluzione scientifica darwiniana e quella artistica-digitale, per coloro che desiderano visitare la mostra a Gorizia ecco alcuni dati utili:

Durata 12 febbraio - 19 giugno 2011
Apertura 09.00/19.00, chiuso lunedì
Tel. +39 0451 547541
www.alberodellavitadarwin.org

Arte digitale contemporanea

Serata inaugurale

Serata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inauguraleSerata inaugurale