Questo sito contribuisce alla audience di

Il Karate

Il Karate è un atre marziale antichissima ed ancora oggi attuale, tanto da essere tra le più diffuse al mondo.

Il Karate è un’arte marziale giapponese che si pratica a mani nude. Questa comprende, oltre l’uso di colpi portati con i pugni
e con i piedi, tecniche di immobilizzazione e proiezione, e l’utilizzo di attrezzi che non sono prettamente armi,
ma oggetti che derivano dalla vita quotidiana, per lo meno quella dei contadini e pescatori giapponesi dell’epoca.

Si ipotizza che il Karate risalga a più di mille anni fa, ed abbia le sue radici in Cina. Dopo varie vicissitudini tale arte arrivò
ad Okinawa e si mescolò con le tecniche indigene. Sia il signore dell’antica Okinawa che Kagoshima: feudatario all’epoca del Kiushu in Giappone,
proibirono l’uso delle armi, da qui si sviluppò il combattimento senza armi e la difesa personale.

L’antico nome del karate era To De, la cui traduzione letterale era Mano ( De o Te ) della Cina ( To ), cioè Mano Cinese.
L’ideogramma To può anche essere pronunciato come Kara, e verso l’inizio del 1900 si è cominciato a pronunciare gli ideogrammi ( To De ) come Kara Te.
Tuttavia il suono Kara in giapponese può anche essere rappresentato da un’altro ideogramma che ha ha il significato di Vuoto.

Sarà Gichin Funakoshi (da molti considerato il padre del Karate moderno) nel 1930 che comincerà a trascrivere “kara”
con l’ideogramma che significa vuoto, trasformando cosi quella che era l’arte della mano cinese nell’arte della mano vuota.

Nel 1922 il maestro Funakoshi, professore all’università di Okinawa, diede una lezione dimostrativa di quest’arte in Giappone.
Questa dimostrazione impressionò a tal punto che il maestro rimase in Giappone per insegnare il Karate presso varie università e nel 1936 fondò lo Shotokan.
Nel 1955 fu fondata la Japan Karate Association, di cui Funakoshi era il responsabile tecnico. Nel 1958 l’associazione
fu riconosciuta dal ministero dell’educazione giapponese e celebrò il primo campionato nazionale di Karate.
L’associazione conta oggi oltre 120 mila allievi e circa 400 società affiliate in tutto il mondo.

Ultimi interventi

Vedi tutti