Questo sito contribuisce alla audience di

Il Sumo

Il Sumo è una delle arti marziali più antiche arrivate fino a noi

L’origine del Sumo (lotta di forza) risale alla leggenda : ai tempi dell’imperatore Suinin (vissuto a cavallo della nascita di Cristo) era una lotta pericolosissima e talora mortale.
Regolamentato da Nomi-no-Sukume si trasformò in una forma di addestramento militare, diventando un rito vero e proprio, con un cerimoniale denominato shikiri tuttora rispettato, e che consiste nel lancio purificatorio di sale e battuta di piedi a terra per scacciare gli spiriti maligni.
I lottatori chiamati “sumotori” indossano soltanto un perizoma (mae-tate-mitsu) ed una grossa cintura (mawashi).
L’area di combattimento (doliyo) è un cerchio del diametro di 4 metri e settanta: vince il combattimento, talora brevissimo, chi costringe l’avversario a toccare il tappeto oppure ad uscire fuori dell’area di gara.

Una vicenda dagli aspetti agonisti semplicissimi e quasi sempre istantanea, senza tatticismi e con tecniche apparentemente elementari: eppure è uno sport che affascina i giapponesi ed interessa anche gli altri osservatori.
Il suo segreto risiede probabilmente proprio nella semplicità di scontro repentino e violento di uomini potentissimi.
Nell’immaginario collettivo il Sumo è lo sport dei giganti che, partendo da una posizione fissa che li pone faccia a faccia, si lanciano repentinamente l’uno contro l’altro con tutta la forza d’urto delle loro possenti masse muscolari.
Nella versione agonistica adottata dall’Occidente e pertanto anche dall’Italia sono previste 4 categorie di peso.

Ultimi interventi

Vedi tutti